bicicletta > ciclovie > giro Dolomiti
cicloturismo Dolomiti

grande giro cicloturistico attorno alle Dolomiti

cicloturismo tour cicloturistico attorno alla regione dolomitica

percorso ciclabile dal Centro Cadore per la valle del Boite, passo di Cimabanche, Val Pusteria, Valle Isarco, Val d'Adige, Valsugana e Valbelluna
da Calalzo di Cadore a Cortina d'Ampezzo, a Dobbiaco, a Brunico, a Bressanone, a Bolzano, a Trento, a Caldonazzo, a Borgo Valsugana, a Bassano del Grappa oppure a Feltre e Belluno
giro cicloturistico Dolomiti Probabilmente il più spettacolare e inimmaginabile concatenamento di piste ciclabili e strade adatte al cicloturismo che si possa attualmente percorrere in Italia.
Strepitoso!

E' il giro di boa attorno a tutta la regione dolomitica, adatto a tutti i cicloturisti con un minimo di preparazione.
Naturalmente si può optare per percorrere solamente parte di questo giro, però si perde il senso compiuto di un grandissimo giro dall'immensa soddisfazione.

Per chiudere l'anello manca il tratto Belluno-Calalzo. Attualmente è sconsigliabile transitare per quelle strade in bici e nell'economia complessiva del giro non si perde molto.

Calalzo di Cadore è un ottimo punto di partenza, raggiungibile con il treno+bici diretto da Mestre e da Padova.
Treni diretti a Padova e Mestre anche da Belluno e da Bassano del Grappa per il ritorno.
Tranne che da Calalzo a Dobbiaco (comunque con servizio trasporto autobus+bici), tutto il percorso è servito da ferrovia. Un valore aggiunto notevole che permette di affrontare la pedalata anche a persone che non sono sicure dei propri mezzi atletici, o non hanno esperienza di cicloturismo di più giorni, ed anche nel caso di contrattempi e problemi.

Belluno è la naturale conclusione dell'itinerario, ma anche Bassano del Grappa può essere la meta, in particolare se si pensa di proseguire in bicicletta alla volta di Padova o Venezia.

Dal punto di vista logistico non si frappone alcun problema, vi sono bar, ristoranti, bed & breakfast praticamente in ogni paese. Semmai il problema può essere il sovraffollamento a luglio-agosto, con le piste ciclabili piene di cicloturisti, specie tedeschi.

Non si affrontano salite troppo impegnative.
Il valico di Cimabanche è sul sedime della ex ferrovia Cortina-Dobbiaco, salita molto dolce e regolare con pendenza 'ferroviaria', fatta con calma non la si vede nemmeno. Nella ciclabile della Val Pusteria il percorso è molto nervoso con numerosissimi strappi e saliscendi, alcuni dei quali con pendenze importanti. Con un po' di grinta si superano tutti gli ostacoli.
Le grandi salite dolomitiche restano nel mezzo, noi ci giriamo attorno percorrendo i fondovalle dei tre grandi bacini fluviali della regione : il Piave, l'Adige e il Brenta.

Solamente il collegamento tra Trento e Caldonazzo è su strada statale un po' trafficata. Si tratta di una salita abbastanza consistente di otto chilometri, con i tratti più ripidi all'inizio ancora in città a Trento. La sede stradale è molto buona, serve solo un minimo di pazienza ed impegno. L'alternativa consiste nel prendere il treno+bici tra Trento e Pergine Valsugana.

giro cicloturistico Dolomiti

L'itinerario si sviluppa concatenando le piste ciclabili e i percorsi ciclabili :

a - la lunga Via delle Dolomiti

Calalzo di Cadore, Pieve di Cadore, Cortina d'Ampezzo, Cimabanche, Dobbiaco

Scesi dal treno a Calalzo, si può partire alla volta di Cortina.
La pista ciclabile parte, verso sud, dal piazzale della stazione. Un largo giro nel bosco, con belle visioni sul lago di Centro Cadore, e si giunge a Pieve di Cadore, meritevole di visita.
La pista ciclabile corre senza intoppi passando sul vecchio viadotto ferroviario di Tai e prosegue dapprima sulla destra idrografica del Boite, per poi attraversare la statale e correre sulla sinistra idrografica. Si passano alcune gallerie (illuminate) e le visioni si fanno via via più grandiose: dal Sassolungo di Cibiana al Pelmo all'impressionante Antelao (m.3.263), la seconda cima più alta delle Dolomiti.
La pista è ora completa anche nel tratto dove prima si doveva percorrere la statale, ma questo richiede una deviazione con la discesa (e risalita...) al fondo di una valletta. Si corre piacevolmente alla volta di Borca e San Vito di Cadore.
Attraversata la grande frana di San Vito, sotto la Croda Marciora (Sorapiss), si può scegliere la via più breve e facile ma lungo la statale (sede stradale molto larga) oppure scendere al fondo del Boite lungo la pista ciclabile (a tratti sterrata).

Da Cortina, al piazzale corriere (ex stazione treni) si parte alla volta di Cimabanche, il facile valico stradale superato percorrendo il sedime (sterrato molto buono) della ex ferrovia, con pendenza costante e molto contenuta. Un paio di gallerie ed uno spettacolare ponte (originale in ferro) per il ristoro sul bel valico di Cimabanche.
Naturalmente, lungo tutta la tratta, le visioni dolomitiche sono spettacolari.
Da Cimabanche la discesa lungo la statale è veloce e piacevolissima, lungo la ex ferrovia altrettanto bella ma il fondo sterrato è, a tratti, un po' difficoltoso.
Inevitabile la sosta nei pressi del lago di Landro dove si apre una finestra con spettacolare e classica visione sulle Tre Cime di Lavaredo.
Altro imperdibile luogo di sosta è Dobbiaco.
maggiori informazioni, dettagli, fotografie

b - pista ciclabile della Val Pusteria

Dobbiaco, Villabassa, Monguelfo, Valdaora, Brunico, Vandoies, Rio Pusteria, Novacella, Bressanone

Da Dobbiaco a Brunico a Rio Pusteria si scende lungo la Val Pusteria. Non illudiamoci di trovare solamente discesa, è un continuo saliscendi con strappi anche abbastanza duri.
Una pedalata molto nervosa, fatta di continui cambiamenti di ritmo, piccoli incroci, continue curve e controcurve, il tutto entusiasmante per l'allenato, un po' più tribolato per il principiante.
I luoghi attraversati sono indimenticabili, i paesaggi meravigliosi quasi irreali. Dobbiaco, Villabassa, Valdoaora e Brunico dove d'obbligo è la visita al centro storico. Ed ancora San Lorenzo di Sebato, Vandoies per giungere al suggestivo castello di Chiusa di Val Pusteria che preannuncia l'arrivo a Rio Pusteria.
Oltre Rio, dopo una breve salita nel bosco, si scende alla volta degli svincoli stradali per Bressanone.
Anziché seguire le indicazioni ciclabili per Fortezza (comunque interessante da vedere la grande fortezza), conviene scendere direttamente, e molto velocemente, alla volta di Novacella e Bressanone.
Nemmeno per la straordinaria Abbazia di Novacella e per il centro storico di Bressanone servono commenti!

c - Cps, Ciclopista del Sole lungo il fiume Isarco

Bressanone, Chiusa, Ponte Gardena, Bolzano

Questo tratto è molto facile e piacevole, praticamente tutto su pista ciclabile protetta.
Dal centro di Bressanone si ritorna sull'argine dell'Isarco e si prosegue lungo l'evidente ciclabile dietro i plessi scolastici e gli impianti sportivi.
Dopo Chiusa si transita sulla vecchia sede della ferrovia del Brennero. Ci sono alcune gallerie illuminate, non vi sono problemi e tutto il percorso è su asfalto.
Lungo il percorso della stretta valle Isarco si possono notare numerosi castelli.
maggiori informazioni, dettagli

d - Cps, Ciclopista del Sole - pista ciclabile dell'Adige

Bolzano, Laives, Ora, San Michele all'Adige, Lavis, Trento

Bolzano è città molto ciclabile, biciclette e ciclisti dappertutto.
Si giunge, sempre per piste ciclabili, alla confluenza tra Isarco e Adige, nei pressi degli impianti sportivi.
Praticamente si prosegue sempre diritti per la ciclabile lungo l'argine, ora dell'Adige, numerose le segnalazioni per Trento.
E' tutta una serie di rettilinei in leggera discesa, molti i ciclisti (anche locali) che sfrecciano a velocità sostenuta.
E' la zona dei vigneti e delle coltivazioni di mele, che monopolizzano il paesaggio.
La pedalata è sempre tranquilla, tutta asfaltata e tuttta su pista ciclabile, ogni poche centinaia di metri si trovano panchine, tavoli, fontanelle d'acqua, zone alberate e attrezzate per il ciclista.
Solo verso Lavis vi è un giro un po' vizioso per evitare la foce dell'Avisio, che si attraversa su apposito ponte ciclo-pedonale agganciato al ponte della statale.
Si arriva a Trento, dietro la stazione ferroviaria, sempre su pista ciclabile.
maggiori informazioni, dettagli

e - collegamento Trento-Caldonazzo

Trento, valico di Vigolo Vattaro, Caldonazzo

Tratto di collegamento un po' impegnativo, sia per la salita di circa 8 chilometri di 500 m. di dislivello con pendenza max al 10% e sia perché è su strada provinciale con traffico promiscuo.
La strada parte alla periferia sud-est di Trento (qualche indicazione Vicenza) ed inizia subito con le rampe più decise.
Il traffico, normalmente, non è molto intenso (anche qualche minuto senza auto), tuttavia la bellezza della strada e le curve morbide e poco pericolose sono un invito a correre per automobilisti e motociclisti.
Molto bello il piccolo altopiano di Vigolo Vattaro, spettacolari le vedute verso la Valsugana con in evidenza i sottostanti laghi di Levico e Caldonazzo.
Un bel discesone con curvoni molto ampi e velocemente si giunge a Caldonazzo (stazione treno molto frequentata da treno+bici).
Proseguire fino nei pressi dell'emissario del lago, il neo-nato fiume Brenta, dove inizia la pista ciclabile della Valsugana.

f - pista ciclabile della Valsugana e itinerario ciclabile del Brenta

Caldonazzo, Borgo Valsugana, Tezze Valsugana, Primolano, Cismon del Grappa, Valstagna, Oliero, Bassano del Grappa

Quella della Valsugana è, ciclisticamente, una delle più belle in assoluto tra le piste ciclabili.
Lasciata la stazione ferroviaria di Caldonazzo, la pista ciclabile, sempre su sede autonoma, corre piacevolissima nelle bellissime campagne e coltivazioni di mele. I saliscendi sono molto contenuti, la pedalata entusiasmante, il paesaggio sempre stupendo e si raggiunge la bellissima cittadina di Borgo Valsugana, la 'capitale' di questa importante valle.
La visita è obbligatoria.
Si prosegue alla volta degli impianti sportivi (qualche dubbio di orientamento, seguire segnalazioni impianti verso sud-est) dove si riprende la pista ciclabile lasciando Borgo con negli occhi la straordinaria veduta di Castel Telvana.
Ancora meleti, pista ciclabile perfetta e la valle che via via si stringe sempre più.
Si passa per la suggestiva sorgente della Grotta Bigonta, ancora diversi facili saliscendi e si giunge agli imponenti svincoli di Primolano.

Da qui se si vuole raggiungere Belluno si lascia la Valsugana alla volta delle Scale di Primolano.
Tenendo la pista ciclabile si attraversa l'impressionante forra del Covolo di Butistone, una grotta-castello con millenni di storia, per giungere al ristorante 'Cornale', una specie di 'casello' sempre frequentatissimo di ciclisti.
Da qui a Bassano del Grappa, passando per Valstagna, si percorre la strada (traffico promiscuo) della destra Brenta, sempre molto interessante, passando anche per le località di Ponte Subiolo e Oliero, due grandi sifoni-sorgenti molto noti.
L'arrivo è allo scenografico romanticissimo Ponte di Bassano, altro luogo per il quale non servono commenti.
maggiori informazioni, dettagli, fotografie

g - itinerario ciclabile della Valbelluna, dalla Valsugana a Feltre e a Belluno

Primolano, Arsié, Fonzaso, Feltre, Cesiomaggiore, Sospirolo, Certosa di Vedana, Belluno

Solo qualche tratto è su pista ciclabile, ma il percorso promiscuo non pone problemi essendo su strade poco o nulla trafficate.
Dagli evidenti svincoli di Primolano (prima della stretta del Butistone, Cornale), si sale al cavalcavia alla volta del centro del paese per imboccare la famosissima storica salita delle 'Scale di Primolano'. Una salita da non temere, molto spettacolare paesaggisticamente. Si prosegue alla volta di Arsié, poco il traffico ora transitante per la lunga galleria.
Oltre Arsié si passa la superstrada e si svolta esternamente alla galleria alla volta di Agana, del ponte di Frassené e di Fonzaso. Ora si prosegue per Feltre, qualche difficoltà in località Santa Lucia e poi la strada per Mugnai e la pista ciclabile (un po' disastrata) per Feltre.

Lasciata l'incantevole Feltre si tratta di percorrere tutta la pedemontana di Cesiomaggiore, leggermente trafficata tuttavia bellissima, con numerosi saliscendi. Oltre Cesiomaggiore si è già a metà Valbelluna e le vedute sulla valle sono molto ampie tra le varie bellissime frazioni di Sospirolo.
Superata la depressione della Valle di Mis si giunge alla famosa Certosa di Vedana, poi si supera il Cordevole a Ponte Mas. Recuperata la provinciale per Belluno, passando per Casoni-Orzes con tranquilla pedalata si giunge al bellissimo capoluogo.
maggiori informazioni, dettagli, fotografie
giro cicloturistico Dolomiti giro cicloturistico Dolomiti giro cicloturistico Dolomiti

grande giro cicloturistico attorno alle Dolomiti

percorso ciclabile Calalzo di Cadore, Cortina d'Ampezzo, Dobbiaco, Brunico, Rio Pusteria, Novacella, Bressanone, Bolzano, Trento, Caldonazzo, Borgo Valsugana, Cismon del Grappa, Feltre, Belluno, Bassano del Grappa
dove Valle del Boite (Belluno), Val Pusteria e Valle Isarco (Bolzano), Val d'Adige (Bolzano, Trento), Valsugana (Trento, Vicenza), Valbelluna (Belluno)
motivi paesaggistici naturalistici, artistici storici
treno+bici Calalzo di Cadore, Dobbiaco, Brunico, Bressanone, Bolzano, Trento, Caldonazzo, Borgo Valsugana, Cismon del Grappa, Feltre, Belluno, Bassano del Grappa - e in numerose altre stazioni locali lungo il percorso
lunghezza complessivamente circa 360 km se si esce a Bassano del Grappa o quasi 400 km se si arriva a Belluno
dislivello circa 2.000 m. (fino a Belluno), compresi i numerosissimi saliscendi
quota max m.1.545 al valico di Cimabanche (Cortina-Dobbiaco)
tempi 5-7 giorni complessivamente
orientamento facile
quando dalla tarda primavera all'autunno inoltrato, periodo migliore settembre per il minor affollamento anche se le giornate sono più brevi
difficoltà tecnicamente facile, impegno a seconda del chilometraggio e della preparazione atletica, comunque per pedalatori con un minimo di esperienza cicloturistica di più giorni e lunghe distanze
vento tipicamente il vento nelle valli alpine soffia da nord a sud il primo mattino e da sud a nord dalla mattinata al pomeriggio
bicicletta bici specialistica da cicloturismo attrezzata con portapacchi e borse, mountain bike o buona citybike
carrettino portabimbi si può fare ma è molto impegnativo, alcuni tratti in Val Pusteria sono pesanti per i continui saliscendi ripidi, dura e pericolosa la salita da Trento a Vigolo Vattaro per la strada promiscua mediamente trafficata
logistica lungo il percorso numerosissimi bar/ristoranti, bed-breakfast, alberghetti
MagicoVeneto non fornisce informazioni pubblicitarie, rivolgersi agli Enti Promozione Turismo, ProLoco, ecc.
rilievo Gianni e Fabio, settembre 2010
download waypoints e traccia Gps dell'escursione
visualizza visualizza con Google/Earth il giro cicloturistico attorno alle Dolomiti
gps bdc mtb

bibliografia cicloturismo mountain bike : Dolomiti Veneto Alto Adige Trentino

titoloautoreedizione
Val Pusteria Piste CiclabiliA.FiorinEdiciclo Edizioni 2007
Trentino - Piste ciclabili e itinerari Mtbautori variKompass Edizioni 2006
Ciclopista del Sole - Dal Brennero al lago di Garda e VeronaC.PedroniEdiciclo Edizioni 2006
Ciclovia del BrentaP.Perini, S.MalvestioEdiciclo Edizioni
Pista Ciclopedonale della Valsuganaautori vari + DvdBelle Epoque Edizioni
Guida alle Piste Ciclabili in TrentinoA.CavazzaniEuroedit Trento
I Castelli del Trentino - vol.IIAldo GorferEd.Saturnia - Trento, 1987

cartografia cicloturismo mountain bike : Dolomiti Veneto Alto Adige Trentino

titoloeditorescala
DolomitiTouring Club Italiano1:200.000
Trentino in biciclettaatlante cicloturistico in 120 mappeEdizioni Ediciclo - Portogruaro, 2008

nelle foto
  • la valle del Biote nei pressi di Valle di Cadore
  • il monte Antelao (m.3.263)
  • il monte Pelmo (m.3.168)
  • la ex stazione ferroviaria di Borca di Cadore
  • la valle del Boite nei pressi di Fiames a Cortina d'Ampezzo, sullo sfondo il Pelmo
  • scorcio sulle Tre Cime di Lavaredo (m.2.999) dai pressi di Landro (Dobbiaco)
  • Valdaora
  • Brunico
  • il castello di Chiusa di Val Pusteria
  • la chiesa di Rio Pusteria
  • il Duomo di Bressanone
  • castello a Ponte Gardena
  • ponte sull'Adige a San Michele all'Adige
  • il fiume Adige a Trento
  • Castel Telvana a Borgo Valsugana
Valle di Cadore, Val Boite Valle di Cadore monte Antelao monte Pelmo Borca di Cadore, ex stazione Cortina d'Ampezzo nei pressi di Fiames la Val Boite dai pressi di Cortina d'Ampezzo Landro, Tre Cime di Lavaredo Valdaora Valdaora Brunico Castello di Chiusa in Val Pusteria Castello di Chiusa in Val Pusteria Rio Pusteria Bressanone Bressanone Valle Isarco Valle Isarco nei pressi di Ponte Gardena ponte a San Michele all'Adige l'Adige a Trento Trento Castel Telvana a Borgo Valsugana