trevigiani > cicloturismo > strada del vino Prosecco
Strada del Prosecco

strada del vino prosecco - colli e prealpi trevigiane

strada del vino prosecco strada del vino prosecco - colli trevigiani e prealpi trevigiane


Da Conegliano a Valdobbiadene per la strada del vino prosecco.

Si attraversano le colline di una delle aree più note ed importanti d'Italia per l'enologia.
Ci si immerge in quel lembo di terra che sono le colline del Cartizze, poco fuori Valdobbiadene, vero cuore del cuore della cultura vinicola, dove "tutto" è vigneto.
La "strada del Prosecco" è il primo esempio di segnalazione turistico-eno-gastronomica italiano, itinerario stradale di congiunzione tra i più interessanti, ameni e significativi luoghi della cultura del vino, nonché di cultura storica. Risale al 1966.

I suoi 35 chilometri sono un susseguirsi di paesaggi, orizzonti lontani, vigneti, storia, arte, emozioni che lasciano stupefatti ad ogni curva.
 

in bicicletta sulla "strada del Prosecco" tra Conegliano e Valdobbiadene

Itinerario double-face che può essere intrapreso indifferentemente partendo da Conegliano o da Valdobbiadene e che merita di essere ripercorso per il medesimo itinerario anche al ritorno. Così facendo, con la bici, non si rischia di certo di rivedere quanto già visto : la difficoltà complessiva è la medesima, ma le percezioni, i colpi d'occhio sulle colline, le (leggere) difficoltà ciclistiche sono completamente diverse.

Valdobbiadene Guia da Conegliano a Valdobbiadene

Dalla piazza centrale di Conegliano si aggredisce la salitella del castello superiore, splendido balcone panoramico sulla città e su tutti i colli circostanti. Usciti dalla porta nord, rerstauri e rifacimento del manufatto quattrocentesco, si sbuca ad un importante incrocio con strade che salgono dai versanti della città e si prende la strada che, coronando diligentemente la dorsale collinare, sale facilmente a Rua e a San Pietro di Feletto. Importanti testimonianze d'arte, la Rua era convento Camaldolese mentre spettacolari sono gli affreschi della romanica Pieve di San Pietro del XII secolo.

Scollinato, una breve bella salitella ci porta a Refrontolo, qui, verso destra (piazza municipale), si scende in direzione Solighetto e al termine dei ripidi tornanti all'incrocio si deve svoltare a sinistra. Interessantissima l'eventuale divagazione, andando dritti, al "Molinetto della Croda" che merita, in ogni caso, una visita apposita.

Qualche leggera ondulazione e si arriva al caratteristico, vecchio, paesotto di Solighetto, lo si attraversa tutto e si passa sotto un arco per sbucare sulla grande strada statale che conduce a Follina. Al grande svincolo si svolta a sinistra, a scendere verso Pieve di Soligo, per un centinaio di metri quindi a destra ad attraversare il ponticello sul torrente Soligo e all'agglomerato di case di Soligo. Usciti dalle strette viuzze della cittadina, si imbocca (rotatoria, destra) la strada per Farra di Soligo.

Un lungo falsopiano sull'entusiasmante rettilineo stradale al piede delle colline ci permette di attraversare Farra e di giungere a Col San Martino. E' un lungo scorcio su colline completamente tappezzate di vigneti dai quali fanno capolino straordinarie costruzioni storiche quali il santuario di Collagù, le Torri di Credazzo e l'affascinante chiesa di San Vigilio. E' la "costa d'oro" della strada del Prosecco.

Dal centro di Col San Martino seguire la strada verso Guia e Miane (destra) che si inoltra nella stretta valletta collinare del "Raboso", altro caratteristico nome di vino. All'incrocio attraversare il ponticello e prendere la "strada per Guia" (sinistra) che sale con pendenza progressivamente più accentuata. E' una bella salitella di un paio di chilometri e pendenza piuttosto sostenuta, presa con calma e rapporti adeguati non deve comunque far paura ai principianti.

Sbucati sulla statale pedemontana proveniente da Follina e Miane, si svolta a sinistra verso Valdobbiadene e dopo alcuni brevi saliscendi, dai quali si godono le immense visioni sui vigneti di San Stefano e San Pietro di Barbozza, il fazzoletto del Cartizze, si scende alla nobile cittadina di Valdobbiadene.
Strada del vino Prosecco Strada del Prosecco

progressione/road book - strada del vino Prosecco

localitàquotakm.TTnote
Conegliano7000
Rua di Feletto20066
San Pietro di Feletto27039
Refrontolo180312
Pieve di Soligo120517
Soligo160320
Farra di Soligo160323
Col San Martino180326
Guia400329
Santo Stefano di Valdobbiadene350231
Valdobbiadene250435

Guia Valdobbiadeneda Valdobbiadene a Conegliano

Si può percorrere il medesimo itinerario, al contrario, come descritto da Conegliano a Valdobbiadene, sicuri che comunque lo si percorra non sarà una delusione e men che meno una noia. La prospettiva è diversa, le percezioni stradali (per il ciclista) altra cosa, la soddisfazione sempre grandissima. E' l'itinerario classico e principale della "strada del Prosecco".

In alternativa interessanti sono alcune varianti sul tema.

Da Santo Stafano, al termine della salitella da Valdobbiadene, si scende (alla chiesa) per la "strada del Follo" ad attraversare il cuore del Cartizze e ad aggirare il Colbeltrando. Ad un incrocio tralasciare la strada che porta a Bigolino e seguire l'ombreggiata strada per Colbeltrando, da qui si prosegue (sinistra) verso Col San Martino e Farra di Soligo.

Altra alternativa, anzichè scendere a Col San Martino da Guia, consiste nello scollinare a Combai (altro interessante agglomerato, famoso per le castagne), scendere a Miane e quindi svoltare per Col San Martino oppure, proseguendo verso Follina, scendere lungo la valle del Soligo a Solighetto. Volendo scostarsi ulteriormente dal percorso classico della strada del vino, si può proseguire ulteriormente, dopo Follina, per Cison di Valmarino e prendere la salita di Zuel, quindi Rolle e scendere lungo la valle del Lierza sbucando a Refrontolo proprio passando davanti al "Molinetto della Croda".

La dorsale dei colli di San Pietro di Feletto è imperdibile anche in questo senso, l'alternativa di percorrere le statali di fondovalle è meno consigliabile e meno interessante.

ritorno - strada del vino Prosecco

localitàquotakm.TTnote
Valdobbiadene250035
Santo Stefano di Valdobbiadene350439
Guia400241
Combai390243
Miane250245
Follina200348
Mura di Cison di Valmarino250553
Lago-Revine260356
Tarzo300356
Corbanese150460
Conegliano70868

strada del vino prosecco - colli trevigiani

località di riferimentoConegliano e Valdobbiadene (Treviso)
parcheggioValdobbiadene, lungo il viale alberato che porta alla piazza. Lunedì mercato.
difficoltàfacile
mete principaliSan Pietro di Feletto, Refrontolo, Soligo, Farra di Soligo, Col San Martino, Guia, Valdobbiadene
caratteristicheitinerario prettamente eno-turistico che tocca i luoghi fondamentali della produzione vinicola del prosecco
tempi di pedalata2 + 2 ore
lunghezza35 Km. + 35 Km. ritorno
dislivello totale700 m.
quota massimaGuia 400 m.
salita più duracontinui saliscendi
pendenza max.12% in alcuni brevi strappetti verso Guia
fondo stradaletutto asfaltato
quandotutta la primavera, primo estate e tutto l'autunno
cartografiaVeneto 1:200.000 - Touring Club Italiano