Dolomiti > escursioni > altevie > AV 1
Dolomiti altavia n.1

altavia n.1 - la 'classica' - da Braies a Belluno

grandi escursioni e altevie: Alta Via delle Dolomiti n.1 - dal lago di Braies a Belluno


Altavia n. 1 delle Dolomiti E' questa la prima, la più frequentata e la più famosa tra tutte le altevie dolomitiche, delle quali è un po' il prototipo.

Si taglia, in senso verticale circa nella sua metà, la regione dolomitica passando al cospetto, e volendo anche salendovi, dei più importanti e famosi gruppi dolomitici.

Prevalentemente l'altavia viene percorsa da nord a sud, dal lago di Braies a Belluno, ma nulla vieta il percorso opposto, anche se meno logico.

Si toccano rifugi famosissimi che tra metà luglio e metà agosto sono frequentatissimi, spesso sovraffollati, questo a volte può dar fastidio e creare qualche problema ai tipi più solitari, tuttavia l'ambiente tutt'attorno ripaga ampiamente di tutto e di tutte le fatiche.
Come detto si attraversa, nel suo cuore, la regione dolomitica che offre spettacoli davvero mozzafiato.
Per gli amanti dei luoghi solitari altre altevie o anelli, tutti più impegnativi di questa, offrono anche solitudine ed impegno.

E' un susseguirsi continuo di emozioni.
Ogni luogo merita già da solo l'escursione, ma basta citare solamente il Nuvolao, il Pelmo e la Civetta per provare che queste sono le montagne più belle al mondo.
Anzi, per molti, il rifugio Attilio Tissi alla Civetta... è... il posto più bello del mondo.

E' un percorso facile e adatto a tutti, con un minimo di preparazione alla camminata dolomitica che ha caratteristiche un po' particolari, con la sola eccezione delle due tappe finali, dove si affrontano le difficili ferrate della Schiara, che i meno preparati dovranno giocoforza, purtroppo, evitare.


L'altavia attraversa alcuni gruppi dolomitici importanti:
  • Croda del Becco, Croda Rossa
  • altipiani Ladini del Sennes, Fanes
  • Fanis, Lagazuoi, Tofane
  • Averau, Giau, Croda da Lago, Formin
  • Pelmo
  • Civetta, Moiazze
  • Moschesin, Prampera, Zime de Zità
  • Schiara

Alta Via delle Dolomiti n.1 - dal lago di Braies a Belluno
arrivo/metaquotaoresentindicazioni/divagazioni/varianti/salite
lago di Braies1.500ameno laghetto alpino, posto molto romantico che si presta a divagazioni, inizia la nostra avventura che ci farà dimenticare la civiltà, gli orologi, la televisione e come si guida un'automobile...
rifugio Biella2.3273.301lunga salita continua - possibile la salita alla Croda del Becco (m. 2.810)
rifugio Sennes2.1220.306leggera discesa e splendido altipiano prativo
Fodara Vedla2.0001.00stradina sterrata, caratteristiche architetture ladine
rifugio Pederù1.5481.00ripida discesa su stradina sterrata, grandi parcheggi
rifugio Fanes e La Varella2.0502.007tranquilla stradina sterrata in salita, posti molto ameni
passo del Limo2.1740.2010salitina, luogo affascinante
passo Tadega o dal'Ega2.1530.3011discesa tranquilla, splendidi pascoli
forcella del Lago2.4802.0011 20bancora un po' di discesa poi salita facile - si cambia completamente ambiente, si entra all'interno delle crode dolomitiche
laghetto Lagazuoi2.1821.0020ripidissima discesa ma non difficile, eventualmente, dal lago, in pochi minuti si piò scendere al rifugio Scotoni (m. 1.985)
bivacco 'G. Dalla Chiesa'2.6602.0020bRipidissima e faticosa salita con qualche tratto esposto, ma non difficile.
Consigliabile agli esperti la ferrata del Fanis (m. 2.980), non lunghissima ma dal punto di vista tecnico una delle più difficili ed impressionanti delle dolomiti, discesa per il sentiero attrezzato verso nord/est e valloni ghiaiosi. Il bivacco, pur segnato in molte carte escursionistiche, è stato demolito. A seconda delle condizioni fisiche si può optare per fare tappa al rifugio Scotoni, prima di sostenere questa salita, oppure proseguire per il Lagazuoi, od il Falzarego oppure ancora, se si hanno ancora forze sufficienti, direttamente al rifugio Dibona o altri nelle vicinanze.
forcella Travenanzes2.5072.0020bdiscesa discontinua e lunga traversata - numerose possibilità di salite impegnative, come la salita alla galleria elicoidale del Castelletto e alla ferrata della Tofana di Roces (m. 3.225), molto impegnativa, lunga e faticosa
rifugio Dibona2.1002.00402 404facile traversata in discesa
salita alla Tofana di Roces per la normale del rifugio Giussani o alla Tofana di Mezzo (m.3.243) per l'impegnativa e variegata ferrata di Punta Anna
attraversamento statale1.9001.00442discesa stradina e scorciatoie
attraversare la statale delle Dolomiti Cortina-Falzarego
rifugio Cinque Torri2.1371.30439tranquilla salita per stradina e sentiero
palestra per alpinisti
forcella Averau rifugio Averau2.2000.30438facile traversata, consigliabile la salita all'Averau (m.2.648) per la via normale che presenta solo un breve tratto attrezzato difficile (serve attrezzatura da ferrata) ore 1.30 a/r
rifugio Nuvolau2.5750.30438 Facile salita
E' un posto imperdibile! Dal cucuzzolo di una cima dolomitica si spazia l'orizzonte sconfinato, bisogna proprio dormirci qui, aspettando il tramonto ed alzandosi presto per l'alba. Indimenticabile per tutta la vita.
Per evitare la salita al Nuvolau e la discesa per la "ferrata Ra Gusella" si può scendere al Giau per il vallone di destra sent. 452 dall'Averau, ma il fascino del Nuvolau non deve farci fare questa (bella) scappatoia
passo Giau2.2362.00444 subito qualche scaletta metallica, poi discesa su grande vallone pietroso con qualche difficoltà di orientamento, poi canalone ripido con un brevissimo tratto attrezzato non difficile (non serve materiale da ferrata), ma che richiede comunque attenzione per i non esperti
ferrata 'Ra Gusella': non preoccupatevi, è fattibile anche ai principianti! Anzi prima conviene salire alla cima 'Ra Gusella', splendido panorama.
forcella Giau2.3601.30436diversi saliscendi e forcelle, luogo affascinante
forcella Ambrizzola2.2771.30436traversata e salitina su bellissimi pascoli, nelle vicinanze sito archeologico del Mondeval
rifugio Palmieri alla Croda da Lago2.0462.00 a/r434facile sentiero, merita la digressione andata/ritorno al rifugio e al laghetto, uno dei luoghi simbolo delle dolomiti
forcella Col Roan e forcella de la Puina2.0750.30436 467traversata e discesa per prati e splendidi pascoli
rifugio Città di Fiume1.9181.00467tranquilla discesa, posto straordinario al cospetto della parete nord del Pelmo
forcella Val d'Arcia2.4762.30480sentiero Flaibani - stradina pianeggiante fino a forcella Forada, quindi ripidissimi ghiaioni molto faticosi ma senza alcuna difficoltà, impressionanti colate ghiaiose.
rifugio Venezia1.9461.30480 sentiero Flaibani - ripidissima discesa su ghiaioni quindi tratto roccioso con una breve attrezzatura metallica - facile - e ancora ripidissimi ghiaioni. Qualche difficoltà tecnica e pericolo solamente a inizio stagione se c'è ghiaccio e neve, altrimenti nessuna particolare difficoltà per l'escursionista medio
Salita al Monte Pelmo (m.3.168) per la via normale (alpinistica!) e la cengia di Ball, solo per esperti ed alpinisti, circa 6 ore a/r
passo Staulanza1.7662.30472Anello Zoldano - bella e tranquilla traversata con diversi saliscendi
masso di frana sotto il Pelmetto con impronte di dinosauri, breve ripida salitina
Col dei Baldi (seggiovie-sciovie)1.9002.00568Anello Zoldano - stradina pianeggiante (inizia al primo tornate in discesa verso Zoldo) e sentieri su pascoli
forcella Alleghe e casera di Pioda1.8161.00561Anello Zoldano - ameni pascoli e terreni paludosi
mucche, capre, pecore, e... ricordini e profumi vari
rifugio Coldai2.1001.00556ripida ma facile salita, porta d'accesso alla Signora delle Dolomiti, rifugio frequentatissimo e chiassoso
rifugio Attilio Tissi2.2622.00560brevi saliscendi e salitina finale, forse il tratto più grandioso, solenne e spettacolare dell'altavia, proprio al cospetto della grande parete N.O. della Civetta
Uno dei rifugi/santuario delle dolomiti, qui non ce n'è per nessun altro.
Credo che molti siano del pensiero che questo ...E'... il posto più bello al mondo !
rifugio Vazzoler1.7142.00560brevi saliscendi prevalentemente in discesa su ameni pascoli e grandiose visioni rupestri
Beh, sviolinate a parte, anche qui siamo in uno dei posti più belli al mondo!
forcella del Camp1.9332.30555 554sentiero a saliscendi e più solitario tra radi boschetti e radure
al cospetto delle impressionanti pareti delle Moiazze, caratteristica la cima 'Trident' del Camp
rifugio B.Carestiato1.8341.30554facile lunga traversata tra assolati ed aggrovigliati mugheti
da qui parte la 'ferrata della Moiazza' definita da molti 'la più dura' delle dolomiti, io invece penso che le più dure siano quelle sulla Schiara
passo Duran - rifugio C.Tomè1.6000.30549strada sterrata in discesa
ameni prati e radi boschi
ponte dela Caleda1.5400.30543breve tratto di strada asfaltata in discesa verso Agordo, giusto per non scordare come sono fatte, quanto puzzano e quanto fracasso fanno macchine e moto
malga e forcella Moschesin1.9402.00543diversi saliscendi
strani posti
rifugio Sommariva al Pramperet1.8571.00543 che dire, siamo fuori dal mondo? il rifugio è stato completamente rifatto, una volta, tanti anni fa, per chi se lo ricorda..., era rivestito di lattine di olio di oliva (era un bivacco per cacciatori)
forcella Van De Zità2.3951.30514traversata non difficile, ma impegnativa per gli ambienti desolati e solitari e gli assolati valloni dei Van de Zità
luoghi dal grande, ma strano, fascino
rifugio Pian de Fontana - R. Dal Mas1.6301.30514discesa su conche sassose ed erbose
era una bellissima malga
forcella e casera La Varetta1.7041.00514breve discesa e ripida salita
pascoli e casere abbandonate
casera Nerville1.6401.00514Le persone non preparate ad affrontare una impegnativa ferrata dolomitica devono scendere al rifugio Bianchet al Pian dei Gat e per la stradina forestale della Val Vescovà scendere alla statale Agordina e con mezzi pubblici arrivare a Belluno.
forcella e bivacco Marmol2.2623.00514ripida salita in ambiente di orrida bellezza
Attenzione, massima importanza: non scendere assolutamente per l'invitante gola/canalone, pericolosissimo! A questo punto bisogna per forza di cose affrontare l'impegnativa discesa per la difficile ferrata del Marmol.
rifugio VII Alpini1.4903.00514Impegnativa ferrata dolomitica in discesa con numerosi punti espostissimi e scalette metalliche sul vuoto, neccessarie attrezzature da ferrata ed esperienza adeguata.
Dal Marmol consigliabile la salita alla cima della Schiara (m. 2.563), cresta rocciosa espostissima ma non difficile. Eventualmente si può affrontare l'anello delle ferrate della Schiara: Zacchi o Sperti, Berti e Marmol. Un anello del massimo impegno, ma dalla soddisfazione incontenibile. Senz'altro la più grandiosa e difficile combinata di 'vie attrezzate', con lunghi tratti espostissimi, scalette metalliche, tratti di arrampicata libera esposta e senza attrezzature, lunghezze e dislivelli proibitivi per i non opportunamente allenati e preparati.
case Bortot7071.30sentierone a tratti ripido, tipiche case Bellunesi
Belluno cittàstrada asfaltata - mezzi pubblici
ritorno alla civiltà, inizia la nostalgia...
profilo altimetrico
Alta Via delle Dolomiti n.1 - dal lago di Braies a Belluno
località di riferimentoVillabassa (Brunico, Val Pusteria), Cortina d'Ampezzo, Agordo, Belluno
partenzaLago di Braies (Val Pusteria)
arrivoBelluno
difficoltàcomplessivamente facile e tranquilla, tranne le ultime tappe sugli impegnativi versanti della Schiara e l'impegnativa discesa per la difficile ferrata del Marmol
mete principalisi attraversano i principali, famosissimi, gruppi dolomitici, nelle ultime tappe ambienti più solitari, selvaggi ed impegnativi
gruppi dolomiticiCroda del Becco, Fanis, Tofane, Nuvolau, Giau, Pelmo, Civetta, Pramper, Schiara
caratteristichelunga escursione costantemente in quota attorno ai 2.000 metri con caratteristiche prettamente Dolomitiche
giorni di camminotra gli 8 e i 12 giorni (o più) a seconda delle varianti ed eventuali salite alle cime
lunghezzacirca 150 chilometri
dislivello totalecirca 9.000 metri in salita per il solo sentiero normale, più eventuali salite o varianti
quota massimam.2.660 ex bivacco 'G. Dalla Chiesa' (demolito) o m.2.750 rifugio Lagazuoi, oppure eventuali cime salite
salita più faticosaforcella Val d'Arcia al Pelmo
tratto più impegnativodiscesa per la ferrata del Marmol al rifugio VII Alpini (solo per escursionisti esperti)
rifugi
cartografia Altavia n.1 e Dolomiti, Dolomiten, Dolomites - Belluno Dolomiti
titoloeditorescala
K 624 - Hochabtei / Alta BadiaEdizioni Kompass1:25.000
K 625 - Sexten Dolomiten / Dolomiti di SestoEdizioni Kompass1:25.000
K 635 - HochPusterTal / Alta PusteriaEdizioni Kompass1:25.000
Foglio 003 - Cortina d'Ampezzo e Dolomiti AmpezzaneEdizioni Tabacco Udine1:25.000
Foglio 015 - Marmolada, Pelmo, Civetta, MoiazzaEdizioni Tabacco Udine1:25.000
Foglio 024 - Prealpi e Dolomiti BellunesiEdizioni Tabacco Udine1:25.000
Foglio 025 - Dolomiti di Zoldo, Cadorine, AgordineEdizioni Tabacco Udine1:25.000
Foglio 031 - Dolomiti di Braies, MarebbeEdizioni Tabacco Udine1:25.000
Altavia delle Dolomiti n.1 - dal lago di Braies a Belluno: 8...10 giorni di sogni ed emozioni.
Un racconto per immagini vale più di mille parole...
Altavia n.1 Dolomiti
salendo dal lago di Braies verso il rifugio Biella
Altavia n.1 Dolomiti
il rifugio Biella alla croda del Beco
Altavia n.1 Dolomiti
l'Alpe Sennes
Altavia n.1 Dolomiti
lago di Limo all'Alpe di Fanes
Altavia n.1 Dolomiti
forcella Del Lago (Forcela di Lech), sullo sfondo la Marmolada
Altavia n.1 Dolomiti
forcella Del Lago, versante rifugio Scotoni e Lagazuoi
Altavia n.1 Dolomiti
cima Scotoni
Altavia n.1 Dolomiti
tra le rocce del Fanis
Altavia n.1 Dolomiti
(ex) bivacco "G. Dalla Chiesa" al Fanis (ora demolito)
Altavia n.1 Dolomiti
(ex, ora non più esistente) bivacco "G. Dalla Chiesa" con la Val Badia e Cunturines
Altavia n.1 Dolomiti
cima Fanis Sud dal bivacco Dalla Chiesa
Altavia n.1 Dolomiti
'gendarme' tra Fanis e Lagazuoi Grande
Altavia n.1 Dolomiti
cratere della 'Mina del Castelletto' sulla Tofana di Rozes
Altavia n.1 Dolomiti
sulla ferrata della Tofana de Rozes verso la val Travenenzes e il Fanis
Altavia n.1 Dolomiti
Sorapiss e Antelao (Cortina d'Ampezzo) dai pressi del rif. Dibona
Altavia n.1 Dolomiti
gruppo delle Cinque Torri, Cortina d'Ampezzo
Altavia n.1 Dolomiti
la Tofana di Roces dai pressi delle Cinque Torri
Altavia n.1 Dolomiti
tramonto dal rif.Nuvolau (m.2575) verso la Civetta (m.3218)
Altavia n.1 Dolomiti
tramonto dal rif.Nuvolau verso la Croda da Lago e i Lastoi de Formin
Altavia n.1 Dolomiti
alba al rifugio Nuvolau
Altavia n.1 Dolomiti
alba al rifugio Nuvolau
Altavia n.1 Dolomiti
all'Alpe Prendera con la Rocheta di Prendera
Altavia n.1 Dolomiti
il monte Pelmo dai pressi del rifugio Città di Fiume
Altavia n.1 Dolomiti
il Pelmetto e 'la fesura'
Altavia n.1 Dolomiti
il monte Pelmo dai pressi del Col dei Baldi
Altavia n.1 Dolomiti
malga Pioda nei pressi di forcella d'Alleghe
Altavia n.1 Dolomiti
rifugio Coldai alla Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
laghetto Coldai alla Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
sotto le pareti della Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
sotto le pareti della Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
il rifugio Attilio Tissi al Col Rean in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la parete nord-ovest della Civetta dai pressi del rif. A.Tissi
Altavia n.1 Dolomiti
la parete della Civetta dal balcone del rif. A.Tissi
Altavia n.1 Dolomiti
il lago di Alleghe dai pressi del rif. A.Tissi
Altavia n.1 Dolomiti
il campanile di Brabante in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Venezia in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Venezia in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Venezia in Civetta, sullo sfondo il Trident del Camp
Altavia n.1 Dolomiti
il rifugio Vazzoler in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
il rifugio Vazzoler con la torre Venezia
Altavia n.1 Dolomiti
cima dell'Elefante dal rif. Vazzoler in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Trieste dal rif. Vazzoler in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Trieste dal rif. Vazzoler in Civetta
Altavia n.1 Dolomiti
la torre Venezia e i Cantoni di Pelsa salendo verso il Camp
Altavia n.1 Dolomiti
i Van de Zità
Altavia n.1 Dolomiti
Pian de Fontana
Altavia n.1 Dolomiti
Pian de Fontana
Altavia n.1 Dolomiti
casera La Vareta in alta val Vescovà
Altavia n.1 Dolomiti
bivacco S.Bocco al Marmol, sulla Schiara
Altavia n.1 Dolomiti
la Gusela del Vescovà sulla Schiara
Altavia n.1 Dolomiti
la parete sud della Schiara dai pressi del rif. VII Alpini