storia > ottocento > guerre indipendenza
Veneto tra 'ottocento e 'novecento

Veneto e Friuli tra 'ottocento e 'novecento

Veneto tra 'ottocento e 'novecentocronologia generale : le guerre d'indipendenza italiane


E' il periodo tumultuoso dell'unità d'Italia.
L'espansione del regno dei Savoia ingloba buona parte della penisola e si scontra con il colosso imperiale austro-ungarico. Solo il trentino resta agli imperiali, passerà all'Italia con la vittoria della grande guerra.
Fatta l'Italia, bisognava fare gli italiani. E questo avverrà, drammaticamente, con la svolta di Caporetto durante la prima guerra mondiale.
dataavvenimento
17/22 marzo 1848Insurrezione di Venezia, con Daniele Manin e Niccolò Tommaseo liberati dai Piombi.
18 marzo 1848Insurrezione di Milano, l'esercito di Radezky è in armi contro la rivolta diretta da Carlo Cattaneo. Sono le 5 giornate di Milano celebrate dal Manzoni.
18 marzo 1848Radezky si ritira da Milano e si arrocca nelle fortezze del Quadrilatero (Verona, Peschiera, Mantova, Legnago)
23 marzo 1848Prima guerra d'indipendenza. Carlo Alberto, re di Sardegna, dichiara guerra all'impero austriaco.
26 marzo 1848Carlo Alberto varca il Ticino entra a Milano e dirige verso il Mincio.
8/11 aprile 1848Battaglia di Goito e Monzambano.
30 aprile 1848Battaglia di Pastrengo (Verona) e vittoria dei piemontesi.
28 maggio 1848Gli austriaci impegnano le truppe volontarie italiane a Curtatone e Montanara e resistono eroicamente.
30 maggio 1848I piemontesi s'impossessano della fortezza di Peschiera del Garda.
25 luglio 1848Battaglia di Goito.
27 luglio 1848Battaglia di Custoza e disfatta dei piemontesi che si ritirano a Milano.
9 agosto 1848Armistizio di Milano, con il ritorno degli austriaci in Lombardia.
dicembre 1848Gioberti nominato Presidente del Consiglio piemontese, ma è subito costretto alle dimissioni.
23 marzo 1849Dieci giornate di insurrezione a Brescia.
23 marzo 1849Vittoria austriaca a Novara. Carlo Alberto abdica lasciando il regno a Vittorio Emanuele II di Savoia.
24 marzo 1849Firma dell'armistizio a Vignale (Novara) tra il Regno di Sardegna e l'Impero Austriaco.
4 maggio 1849Battaglia al Forte Marghera.
6 agosto 1849Firma del trattato di pace a Milano. Lo stato piemontese riscatta la Lomellina, gli austriaci ricostituiscono il regno Lombardo-Veneto con Radezky governatore.
24 agosto 1849Venezia, assediata, cede agli imperiali. E' la fine della Repubblica di San Marco, Daniele Manin è costretto all'esilio.

8 aprile 1856Congresso di Parigi, vi partecipa Cavour nel tentativo di richiamare l'attenzione sulla situazione dell'Italia.
1858Attentato a Napoleone III. Cavour tenta una alleanza franco-piemontese.
26 aprile 1859L'Imperatore d'Austria dichiara guerra al Regno di Sardegna. E' l'avvio della seconda guerra d'indipendenza.
14 maggio 1859La Francia corre in soccorso dei Savoia. Napoleone III diviene comandante dell'esercito franco-piemontese.
20 maggio 1859Battaglia e vittoria franco-piemontese a Montebello
23 maggio 1859Battaglia e vittoria dei garibaldini a San Fermo
31 maggio 1859Battaglia e vittoria franco-piemontese a Palestro
4 giugno 1859Battaglia e vittoria franco-piemontese a Magenta
8 giugno 1859L'esercito franco-piemontese entra a Milano
24 giugno 1859Battaglia e vittoria franco-piemontese a San Martino (poi della battaglia - Brescia).
11 luglio 1859Armistizio di Villafranca di Verona.
10 novembre 1859Pace di Zurigo tra Austria e franco-piemontesi. Su pressione francese gli austriaci, che non volevano trattare con i piemontesi, cedono la Lombardia (esclusa Mantova) che viene annessa al Regno di Piemonte e Sardegna.

5 maggio 1860Parte da Genova la spedizione dei Mille capitanata da Giuseppe Garibaldi.
15 maggio 1860Prima vittoria garibaldina contro i Borboni del Regno di Napoli.
19 agosto 1860Sbarco garibaldino in Calabria.
7 settembre 1860Garibaldi entra a Napoli.
18 settembre 1860Battaglia di Castelfilardo e vittoria piemontese contro le truppe dello Stato Pontificio.
2 ottobre 1860Battaglia e vittoria garibaldina sul fiume Volturno.
21 ottobre 1860Plebiscito per l'annessione del sud Italia.
26 ottobre 1860Incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II a Caserta.
17 marzo 1861Proclamazione del Regno d'Italia.

8 aprile 1866Firma del trattato di alleanza tra Italia e Prussia contro l'Austria. Bismark promette ai Savoia la cessione del Veneto in caso di vittoria. E' l'inizio della terza guerra d'indipendenza.
16 giugno 1866La Prussia dichiara guerra all'Impero austro-ungarico e oltrepassa la frontiera. Contemporaneamente dovrebbe farlo anche l'alleato italiano, che non si muove.
18 giugno 1866Vittorio Emanuele II prende tempo e si rifiuta di firmare la dichiarazione di guerra all'Austria.
20 giugno 1866Dura nota di protesta prussiana all'alleato Piemontese che tergiversa nell'entrare in guerra contro l'Austria. Il Re passa all'azione contro l'Austria forte di un esercito almeno doppio (220.000 uomini) di quello austriaco schierato nel Lombardo-Veneto.
24 giugno 1866Battaglia di Custoza (Verona) e sconfitta dell'esercito Sabaudo-Italiano, nonostante gli austriaci schierassero nel Veneto metà delle forze piemontesi in campo. Il generale La Marmora ordina la ritirata che si trasforma in disastro, tra gli austriaci numerosi sono i soldati Veneti.
3 luglio 1866La guerra viene decisa sul fronte tedesco, con i prussiani vittoriosi sugli austriaci a Sadowa. Viene invocata la mediazione di Napoleone III, l'imperatore francese, che contratta la cessione del Veneto ai francesi, con il tacito accordo di passarlo poi ai Savoia.
5 luglio 1866Annessione del Veneto all'Italia. La Marmora dichiara: "Ricevere il Veneto in regalo dalla Francia è umiliante...".
14 luglio 1866Viene progettata una 'battaglia navale' e ordinato all'ammiraglio Persano di muovere contro la flotta austriaca. Vorrebbe essere una rivincita e una conclusione onorevole da parte dell'esercito piemontese, viste le difficoltà austriache.
20 luglio 1866Battaglia navale a Lissa (Dalmazia, Spalato) e disastro piemontese-italiano. La marina austriaca (detta anche Austro-Veneta) è, per buona parte, composta da marinai veneti ed erede della Regia Veneta Marina. Il comandante, ammiraglio austriaco W. von Tegetthoff, parlava e dava ordini in Veneto! Fu detto: "Uomini di ferro su navi di legno vinsero contro navi di ferro con equipaggi di legno". La battaglia si risolse in poche ore, con l'affondamento della corazzata "Re d'Italia".
21 luglio 1866Battaglia di Bezzecca e vittoria dei Garibaldini.
26 luglio 1866La Prussia firma l'armistizio con l'Austria, senza nemmeno informare l'alleato italiano.
12 agosto 1866Dopo le batoste di Custoza e Lissa a Cormons il generale Petitti firma l'armistizio con l'Austria.
23 agosto 1866Trattato di pace a Praga tra Prussia e Austria. All'Austria viene garantita l'integrità territoriale, con l'esclusione della sola regione veneta, con l'accordo di cederla alla Francia e, quindi, all'Italia.
24 agosto 1866A Vienna viene firmata la 'Convenzione' tra Francia e Austria per la cessione delle Venezie. Nessun rappresentante italiano è presente. L'onore dell'Austria, che non si riteneva sconfitta dall'Italia, è formalmente salvo.
24 agosto 1866Mazzini sul giornale "Il Dovere" scrive: "E' possibile che l'Italia accetti di essere additata in Europa come la sola nazione che non sappia combattere, la sola che non possa ricevere il suo, se non per beneficio d'armi straniere e concessioni umilianti dell'usurpatore nemico?".
3 ottobre 1866Firma del trattato di Pace a Vienna. E' la presa d'atto che il Veneto, per mano dei francesi, passa all'Italia, con la clausola formale: "...sotto riserva del consenso delle popolazioni debitamente consultate".
19 ottobre 1866A Venezia il generale austriaco K.Moring consegna ufficialmente al generale E. Le Boeuf, rappresentante di Napoleone III, il Veneto. Quasi concestualmente il francese cede il Veneto all'Italia.
Prima del referendum!
21/22 ottobre 1866 Referendum a suffragio universale maschile (o plebiscito 'truffa') per l'annessione del Veneto al Regno d'Italia. Pura formalità richiesta a seguito dalla Pace di Vienna.

20 settembre 1870Breccia di Porta Pia. Roma diviene capitale d'Italia.

bibliografia storica Veneta tra ottocento e novecento

titoloautoreedizione
Solferino. Storia di un campo di battagliaU.Ladurner2010 - Il Mulino
1809: l'insorgenza venetaE.Beggiato2008 - Editrice Veneta
Controstoria dell'unità d'ItaliaG. Di Fiore2007 - Rizzoli
Il Risorgimento italianoA.M.Banti2004 - Laterza
La bugia risorgimentale. Il Risorgimento italiano dalla parte degli sconfittiG.Lentini1999 - Il Cerchio
I forti dimenticatiW.A.Dolezal1999 - Pilotto
L'Italia del risorgimento: 1800-1860A.Scirocco1998 - Il Mulino
Il RisorgimentoA.Gramsci1966 - Torino
Le fortificazioni austriache nel veroneseG.Perbellini1981 - Cortella
Le guerre d'indipendenzaE.Bianchi1935 - Firenze

Veneto tra 'ottocento e 'novecentoprincipali avvenimenti internazionali nel mondo tra 'ottocento e 'novecento


Nella seconda metà dell'ottocento gli avvenimenti mondiali gettano le premesse per il drammatico secolo seguente, il secolo breve, che sfocierà con la tragedia della prima guerra mondiale. Un passaggio epocale dalle concezioni ancor fortemente medioevali all'era industriale.
dataavvenimento
1860-1870E' il periodo della grande epopea delle esplorazioni africane, teoricamente a scopo scientifico, ma più pragmaticamente per 'mettere le mani' su questo ricchissimo continente.
1867Annessione del Veneto all'Italia (sui confini della Repubblica Veneta).
1869Scavo ed apertura del Canale di Suez.
1870Roma è capitale d'Italia.
1870Guerra tra Francia e Germania. I francesi perdono le regioni dell'Alsazia e della Lorena.
1877Guerra del Transvaal, gli Inglesi si appropriano del territorio africano ricco di miniere diamantifere.
1880Rivolta dei Boeri del Transvaal contro gli Inglesi.
1881I Francesi si appropriano della Tunisia che diviene un protettorato.
1882L'Egitto diviene protettorato Inglese.
1882Trattato di alleanza tra Germania, Austria e Italia, la "Triplice Alleanza", con l'impegno di intervento solo nel caso uno stato fosse aggredito e con la clausola che l'Italia non sarebbe mai stata impegnata contro l'Inghilterra (temuta per la sua flotta).
1882L'Italia acquista una vasta estensione nella baia di Assab in Eritrea.
1883-1884Prosegue la corsa all'accaparramento dei territori africani. La Francia sottomette vasti territori in Africa centrale, il Belgio il Congo.
1884Conferenza di Berlino, nella quale si certificano i dati di fatto sulla penetrazione europea in Africa e si 'spartiscono', tra le maggiori potenze', i rimanenti territori del continente.
1885Anche l'Italia partecipa con impegno all'accaparramento africano. Vengono conquistate l'Eritrea e l'Abissinia.
1887Sanguinosa sconfitta italiana a Dogali, in Abissinia.
1888Conferenza che sancisce l'internazionalizzazione del Canale di Suez, strappandolo alla protezione Inglese.
1889L'Italia occupa la Somalia e firma il trattato di Uccialli con l'imperatore Menelik d'Etiopia. L'Eritrea è definitivamente colonia italiana.
1892"Duplice Alleanza" tra Francia e Russia che temevano un'aggressione dalla Germania.
1893L'Italia vorrebbe sottomettere completamente il 'Corno d'Africa' anche con l'annessione dell'Etiopia, ma viene contrastata dall'imperatore Menelik.
1895E' guerra tra Italia ed Etiopia. Si concluderà l'anno seguente con la sanguinosa disfatta italiana di Adua. L'Etiopia rimane sovrana.
1895-1899I francesi sono molto attivi nell'appropriarsi dei territori africani ancora liberi. Il 'continente' Madagascar diviene francese.
1899-1902Nuova guerra Anglo-Boera in Sud-Africa.
1904Il Marocco è colonia francese.
1904Miglioramento dei rapporti tra Francia e Inghilterra suggellati con un accordo denominato "Intesa Cordiale".
1905Crisi marocchina ed intervento tedesco contro i francesi.
1907Vaste zone Boere del Sud-Africa, Transvaal e Orange, divengono indipendenti dal dominio Inglese.
1907Accordo Anglo-Russo che trasforma la "Duplice Alleanza" in "Triplice Intesa".
1908Annessione all'Austria della Bosnia e dell'Erzegovnia.
1909Il Re incontra lo Zar di Russia concludendo un trattato nel quale, tra l'altro, era riconosciuta all'Italia l'occupazione della Tripolitania e della Cirenaica.
1911Guerra Italo-Turca per i possedimenti in Libia che divengono italiani.
1911La Germania occupa il Congo
1912Nuova crisi Italo-Turca ed occupazione italiana delle isole del Dodecaneso. Con la Pace di Losanna viene riconosciuto il possesso italiano della Libia e del Dodecaneso.
1910-1914L'Austria prosegue nella sua mira espansionistica verso i Balcani ai danni dell'Impero Ottomano. La Serbia diviene protettorato Austriaco.
28 giugno 1914E' il drammatico giorno dell'assassinio, a Sarajevo, dell'Arciduca d'Austria-Ungheria Francesco Ferdinando. Il cerino che fa esplodere la prima guerra mondiale.
28 luglio 1914L'Austria dichiara formalmente guerra alla Serbia. E' guerra mondiale.