Vicentino > Vicenza > Villa Valmarana ai Nani
villa Valmarana 'ai nani' a Vicenza

villa Valmarana - Vicenza

Villa Valmarana, detta 'ai nani'

dipinti di Giambattista e Giandomenico Tiepolo del 1757
Caratteristica per il recinto murario sormontato da una fila di statue di nanetti, racchiude nel salone d'ingresso e nelle quattro sale del piano nobile della palazzina padronale, uno dei gioielli più significativi dell'arte italiana: il ciclo pittorico delle 'sale del Tasso', opera di Giambattista Tiepolo e del figlio Giandomenico.

Gli affreschi narrano la storia di Rinaldo ed Armida e costituiscono il più magico dei tre cicli che il Tiepolo ha dedicato al poema di Torquato Tasso. Le storie della Gerusalemme Liberata sono rese in una atmosfera rarefatta e luminosa, le scene hanno tratti di raffinatissima sensualità, con una gamma cromatica strabiliante ed inserite in pareti nude da impianti architettonici.
E' senz'altro una delle più straordinarie magie del Tiepolo.
Qui egli dà sfogo a tutta la sua inesauribile fantasia, stupisce e sbalordisce per l'incredibile virtuosismo pittorico, coinvolge il visitatore in una esperienza di grandissimo fascino ed incantesimo.
Nella foresteria le stanze sono affrescate da Giandomenico e denotano già i nuovi percorsi della pittura romantica, però non riescono a travolgere come fanno invece le vicine figure dipinte dal padre. Il confronto è illuminante per comprendere emotivamente che gli affreschi riquadrati sulle illusioni ottiche di colonnati sono, probabilmente, uno dei cicli che chiude la storia della pittura italiana: magia e canto del cigno, un tentativo di fermare il tempo.

Leggenda narra che il ricchissimo Giustino Valmarana, per non creare traumi psicologici all'amata figlia, la circondò di servitù di bassa statura e fece scolpire le statue del giardino a forma di nani.

La foresteria è un piccolo museo di oggetti, libri, vestiti e costumi settecenteschi ed ottocenteschi.

La seicentesca villa Valmarana 'ai Nani' è indubbiamente uno dei monumenti più significativi del Veneto, obbligatoria la visita.
Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza Villa Valmarana ai Nani, affreschi del Tiepolo - Vicenza

Villa Valmarana, detta 'ai nani' - Vicenza


VI-36100 Vicenza - San Bastian - via dei Nani, 8
visite:
- orario estivo da marzo a ottobre - chiuso il lunedì
aperto lun-ven dalle ore 10:00 alle ore 12:30 e dalle ore 15:00 alle ore 18:00
aperto sabato e domenica dalle ore 10:00 alle ore 18:00
- orario invernale dal 5 novembre al 13 marzo - solo sabato e domenica
aperto dalle ore 10:00 alle ore 12:30 e dalle ore 14:00 alle ore 16:30

- ingresso a pagamento
- altri giorni su appuntamento solo per gruppi e studenti, con supplemento

E' possibile utilizzare la villa per pranzi, matrimoni e convention,
per informazioni e prenotazioni contattare la sig.ra Carolina Valmarana
- tel. +39.0444.321803
- www.villavalmarana.com
Raggiungere la villa, modalità più consigliabile

dal centro di Vicenza seguire le indicazioni per 'Monte Berico' e affrontare la salita fino al primo curvone a esse.
Dove si vede il porticato ed il rettilineo finale verso la Basilica, sulla sinistra si stacca una strada pianeggiante 'senza uscita' che si deve percorrere piedi.
Parcheggiare nei pressi oppure nel piazzale di Monte Berico in alto.
Proseguire a piedi per la strada, fiancheggiata dagli edifici di un ente religioso.
In fondo, verso destra (indicazioni), si dirama una stradina molto stretta in leggera discesa racchiusa tra alte mura e pregevoli villette.
Al termine un piccolo slargo alla congiunzione con la stradina che sale direttamente dalla statale della 'Riviera Berica' (si può salire anche da qui, ma è sconsigliabile).
E' la piazzetta attorno al recinto murario con 'i nani' e l'ingresso della villa.

Proseguendo per la stradina, in discesa più accentuata sempre tra alte mura ma con alberi, si arriva alla villa Almerico - Capra 'La Rotonda', famosa opera del Palladio.