padovano > Camposampiero
Camposampiero, Santuario del Noce

Camposampiero (Padova)

Camposampiero, i Santuari Antoniani e l'Ultimo Cammino di Sant'Antonio


Della storia di Camposampiero rimangono ben poche tracce. Ora è una grossa cittadina dell'alta padovana dedita principalmente alla piccola industria e famosa per l'importante centro ospedaliero, nonché un trafficatissimo collo di bottiglia stradale lungo la statale 'Del Santo' tra Padova e Castelfranco Veneto.

Le sue origini sono romane. Si trova al margine della grande centuriazione romana del noalese e sull'asse dell'importante strada Aurelia che conduceva, e conduce, ad Asolo. Ma di questo rimangono solo dei reperti lapidei ed il disegno stradale ancora leggibile della suddivisione centuriata.

Più dinamica la storia medioevale. Dopo le distruzioni longobarde, la città venne fortificata con una importante cinta muraria e divenne signoria dei Camposampiero, imparentati, alleati e poi acerrimi nemici degli Ezzelini. Storie di stragi e terribili massacri. Tipico nome di famiglia è Tiso, ed il palazzo Municipale, già Rocca feudale e successivamente palazzo Pretorio, ne ricorda il nome.

Di quell'epoca rimane anche la leggenda legata alle ultime ore di vita di Sant'Antonio qui dedito alla predicazione nel luogo ove ora sorge il Santuario del Noce, albero sotto il quale il grande santo s'intratteneva. Da qui partì, ormai morente, per l'ultimo viaggio verso il convento di Padova, ma morì lungo la strada a lui dedicata, proprio alle porte di Padova in località Arcella, dove ora si trova un altro santuario antoniano.

Con l'epopea veneziana di terraferma e la 'donazione' alla Serenissima del 1405 la cittadina fortificata perse l'importanza militare e divenne uno dei centri agricoli più importanti dell'alta padovana, sede del Podestà e con propri statuti. Del lungo periodo veneziano si ricordano lo spavento e le distruzioni subite (1513) durante la guerra contro la Lega di Cambrai quando il territorio venne devastato dalle truppe imperiali di Massimiliano e dai lanzichenecchi in marcia verso Padova. Dopo quest'episodio Camposampiero fu Podesteria di un vasto territorio agricolo di una trentina di Ville (paesi).

Il declino delle strutture murarie e dei palazzi medioevali si svolse lento ed inesorabile. I palazzi feudali per buona parte demoliti già nel settecento, il ponte d'accesso e la struttura della porta Padovana rovinati e riciclato il materiale da costruzione ad inizio ottocento e a metà ottocento demolito quanto rimaneva della cerchia muraria.

Rimangono Palazzo Tiso, del XI-XII secolo, completamente restaurato e sede del Comune, il suggestivo Santuario del Noce del XV secolo, abbellito da affreschi del XVI secolo e la torre Padovana o torre dell'Orologio.
L'attuale chiesa parrocchiale è del 1930-40 posta sul luogo dell'antica pieve e della chiesa del XV secolo restaurata più volte fino ad inizio ottocento, dalla quale sono state recuperati alcuni manufatti artistici ed una pala del '500.
Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero Camposampiero

Ultimo Cammino di Sant'Antonio da Camposampiero a Padova


In preparazione alla festa di Sant'Antonio del 13 giugno, ogni anno, il sabato tra fine maggio e i primi di giugno, viene organizzata dai frati francescani una processione in notturna dai Santuari Antoniani di Camposampiero al Santuario dell'Arcella con meta la Basilica di Sant'Antonio a Padova.
Partenza a mezzanotte, tappa intermedia, preghiera e ristoro, all'alba all'Arcella, arrivo al Santo in mattinata, informazioni e dettagli nel sito www.ilcamminodisantantonio.it

Cammino Sant'Antonio Centro Francescano Amici di Santiago Monselice
Cammino di Sant'Antonio, dal Santuario Del Noce a Camposampiero alla Basilica di Sant'Antonio a Padova
doveCamposampiero, San Giorgio delle Pertiche, Campodarsego, Vigodarzere, Padova
parkSantuari Antoniani Camposampiero - coord. N.45°34'26.1" E.11°55'52.6"
logisticatra Padova e Camposampiero (e anche da Castelfranco, Venezia e Cittadella) vi è una linea ferroviaria ben servita e un ottimo servizio autobus extraurbani
motiviPellegrinaggio sulle tracce di Sant'Antonio morente da Camposampiero a Padova
Dai Santuari Antoniani di Camposampiero al santuario dell'Arcella alla Basilica del Santo.
quandoil cammino è percorribile tutto l'anno, sconsigliabile solamente in piena estate nelle giornate di calura, può essere praticato anche in notturna
percorsoCamposampiero, argini del Muson dei Sassi, Torre di Burri, Campodarsego, Ponte Vigodarzere, Arcella, Santo
tipologiastrada asfaltata, strada sterrata, argini erbosi, marciapiedi in città
lunghezza24 km.
dislivellocompletamente pianeggiante
tempisei-sette ore di cammino, soste escluse
orientamentofacile
segnaleticatutto molto ben tabellato
difficoltànessuna, solo la lunghezza, serve abitudine ai 'cammini' sulle lunghe distanze pianeggianti (problemi ai piedi, talloni, scarpe, vesciche)
pericoliattraversamenti rotatorie incroci e marciapiedi da PonteVigodarzere al centro di Padova
ricoveribar/ristoranti nei paesi attraversati
nordic walkingmolto adatto e molto valido, problematico il centro cittadino tra i marciapiedi di Padova
joggingmolto adatto
carrozzinealcuni tratti possono essere interessanti e adatti, sconsigliabile dal ponte Vigodarzere al centro Padova
carrettino portabimbi adatto, con qualche passaggio e incrocio difficoltoso, problematico il tratto cittadino a Padova
city bykeil mezzo più adatto, facile
mtbtutto praticabile, facile
bdcnon consigliabile, si devono percorrere le trafficate strade provinciali adiacenti
ricognizioneGianni, giugno 2008 e 2010
cartografiaVeneto 1:200.000 Touring Club Italiano
downloadtraccie Gps dell'escursione e itinerario interattivo con Google/Earth
informazioniwww.ilcamminodisantantonio.it
vedi ancheBasilica di Sant'Antonio a Padova - il Santo
approfondimenti gps walk nw jog mtb carrozzina

Camposampiero, Cammino di Sant'AntonioCamposampiero

Camposampiero si raggiunge facilmente percorrendo la Statale 'del Santo' tra Padova e Castelfranco Veneto. Circa 20 chilometri a nord di Padova.
Camposampiero è stazione intermedia della linea ferroviaria Padova-Castelfranco, con numerose corse giornaliere.

In bicicletta o a piedi, da Padova, Cadoneghe, Campodarsego, Camposampiero si può raggiungere percorrendo gli argini del torrente Muson dei Sassi per l'itinerario 'Cammino di Sant'Antonio' (mappa a sinistra).
Il percorso da Padova a Camposampiero può essere allungato fino a Castelfranco Veneto rimanendo sempre lungo l'argine, vedi l'itinerario sotto.

Comune di Camposampiero

www.comune.camposampiero.pd.it
bibliografia Camposampiero, camposampierese e provincia di Padova
titoloautoreedizione
Padova e provincia in bicicletta - percorsi, escursioni ed itinerari ciclabili2009 - Turismo Padova Terme Euganee
Il Cammino di Sant'AntonioOliviero Svanera2008 - Edizioni Messaggero Sant'Antonio
I Santuari Antoniani di Camposampiero - Guida storico-artisticaOliviero Svanera2007 - Edizioni Messaggero Sant'Antonio
Il territorio di Villa del Conte nella storia. L'Abbazia di S.Pietro e S.Eufemia, S.Massimo di Borghetto e la Contea del RestelloPaolo Miotto1994
manifestazioni ricorrenti a Camposampiero
peridoiniziativanote
terzo sabato del mesemercatino collezionismo 'Il sabato del villaggio'Bottegheinfesta@libero.it
Elena Pilotto tel.346.2191104
m.facebook.com/BottegheInFestaCamposampiero
fine marzofesta degli aquiloni
fine marzomaratona di Sant'Antonio
inizio maggiofesta regionale della fragola
inizio giugnoCammino di Sant'Antonio, in notturnawww.ilcamminodisantantonio.it
13 giugnocelebrazioni Antoniane
21 novembrefesta della Madonna della Salute
8 dicembre (biennale)Premio Camposampiero, concorso nazionale di poesia religiosa