Lagorai > Canal San Bovo > lago Calaita
Calaita Vanoi Lagorai

Lago Calaita, Siror, Canal San Bovo - Lagorai Cima d'Asta

Lago di Calaita (m.1621), valle del Lozen - Siror e Canal San Bovo (Trento)

Valle del Vanoi Lozen, catena del Lagorai - Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino
E' un posto molto ameno, offre scorci molto conosciuti tramite posters e cartoline. La radura della torbiera con il residuale laghetto sono, infatti, un fantastico balcone panoramico sull'alto Primiero e sulle Pale di San Martino.
La dorsale boscosa del Col Santo, Spiz del Doch, Bedolè separa la conca del Primiero dalla valle del Lozen ed inizia alla sella di Calaita per terminare al passo della Gobbera, linea di faglia tra le masse magmatiche del Lagorai con le strutture prealpine calcaree del Totoga.
La parte alta del Lozen è stata bloccata da una frana che ha formato la diga di contenimento del laghetto, un tempo più ampio sulle aree via via trasformatesi in torbiera.

Per godere il suono del silenzio, la musica del bosco, la sinfonia di colori, la scenografia incomparabile, il tardo autunno fino alle prime nevicate è il momento magico.
D'estate il lago di Calaita è persino eccessivamente frequentato, nel tardo autunno i larici diventano rosso fuoco.
La zona è frequentata anche d'inverno per escursioni con le ciaspole e lo sci-alpinismo verso le cime di Folga e Grugola.
Dal laghetto sono possibili alcune facili ed interessanti passeggiate, oltre al collegamento pedonale con San Martino di Castrozza e Siror.

Si può compiere un anello a malga Grugola (m.1760) e proseguire fino anche al minuscolo laghetto di Giarine e alla forcella Folga (m.2125). Tre, quattro ore tra andata e ritorno a seconda dell'itinerario percorso.

Con una facile passeggiata si può giungere a malga Scanajol (m.1745), passando dapprima per forcella Calaita e quindi seguendo un tratto del sentiero per San Martino di Castrozza. Servono due-tre ore tra l'andata ed il ritorno.
Per una prima, breve, conoscenza dell'area si può salire sulla cima del Col Santo, la boscosa montagna a ridosso della sponda est del laghetto.

Percorrere la stradina sterrata in direzione nord, costeggiando il lago e attraversando la vasta torbiera, fino a giungere alla forcella Calaita.
Svoltare a destra ad una sella, sempre in vista della valle di Calaita e con a nord squarci tra il bosco verso le Pale di San Martino.
Si compie una specie di giro di boa della torbiera e si continua sulla costola boscosa che fa da sponda alla valletta del Calaita giungendo ben presto ad un altro bivio, le indicazioni segnano la ripida discesa (sinistra) verso Siror, tralasciare quel sentiero e continuare diritti sull'ampia dorsale del Col Santo.
La salita prosegue pressoché diritta nella dorsale boscosa, non vi sono cartelli indicatori e segnali di sentiero, tuttavia la traccia è ben evidente, segno di una notevole frequentazione.
Dopo il lungo tratto in falsopiano inizia via via la salita che verso la cima del colle si fa più ripida. Si tratta di una altura modesta e il dislivello è di 150 metri.
Attraversate alcune tracce di trincee si giunge sulla cima dove il bosco di larici si fa rado e permette ampie visioni su tutta la catena delle Pale di San Martino e su tutta la conca di Primiero.
Il dosso di cima è caratterizzato da un masso di porfido e, soprattutto, da numerosi larici devastati dai fulmini, segno evidente che si tratta di una altura isolata.

Il ritorno avviene per il medesimo percorso dell'andata.
Non è possibile proseguire alla volta dello Spiz del Doch, il successivo culmine della dorsale, e nemmeno verso il Bedolè, anche se vi sono tracce di frequentazione e diverse postazioni e resti di trincee completamente imboscate. Non è nemmeno possibile scendere direttamente verso il lago, per alcuni salti di roccia e ghiaioni non praticabili e di grossi massi.

Si tratta di una facile passeggiata di circa 5 km. tra l'andata e il ritorno, con 200 metri di dislivello, fattibile in un paio d'ore molto tranquille, che ha valenza soprattutto per le viste paesaggistiche verso le Pale di San Martino.
lago di Calaita, Col Santo lago di Calaita, Col Santo lago di Calaita, Col Santo lago di Calaita, Col Santo
lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen lago di Calaita - Lagorai, valle Vanoi Lozen
passeggiata lago di Calaita, Col Santo

lago di Calaita, Catena del Lagorai Cima d'Asta settore orientale
doveLago di Calaita, valle di Lozen, comune di Siror
montecima Col Santo
park Calaita m.1600 - coord. N.46°12'07.4"  E.11°47'23.4"
motivipaesaggistici, naturalistici, fotografici
quandotutto l'anno, preferibilmente in autunno
lunghezza2,5+2,5 km (a/r)
dislivello200 m. complessivamente
tempi2 ore per l'a/r, soste escluse
orientamentofacile
segnaleticasegnali Cai, verso la cima nessuno
quota min.m.1600 parcheggio Calaita / max.m. 1.800 Col Santo
tipologiaampie mulattiere, sentiero
difficoltàfacile (Cai=T)
esposizionenessuna
pericolinessuno
ricoveribar/ristorante Miralago Calaita - www.miralagocalaita.it
nordic walking adatto
joggingadatto
ciaspoleadatto
carrozzinenon adatto
mtbadatti alcuni sentieri e stradine nei dintorni, non adatta la salita alla cima del Col Santo
bdcbella e impegnativa salita, con pendenza fino al 18%, da Canal San Bovo al bar/ristorante Miralago Calaita, 12 km. 900 m di dislivello
ricognizione14 ottobre 2012
visualizzaitinerario interattivo con Google/Earth
downloadwaypoints e traccia Gps dell'escursione
cartografiaKompass n.626 Catena dei Lagorai - 1:25.000
gps walk nw jog ciaspe bdc mtb parks
noteil lago di Calaita è frequentatissimo, sovraffollato, nel periodo turistico estivo, con difficoltà anche di parcheggio

Lago di Calaita (m.1621) - Canal San Bovo, Siror

Valle del Vanoi, Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino
Si raggiunge facilmente in auto per la strada per il passo della Gobbera che parte, destra, appena fuori della lunga galleria che collega il Primiero con la Valle del Vanoi.

Dopo alcuni chilometri di salita verso la Gobbera, si dirama (a sinistra)(segnalazioni)(cimitero) una strada in forte salita che conduce direttamente al laghetto.

A fianco del laghetto si trova un albergo-ristorante-bar con, nei pressi, ampi parcheggi.

Il posto è molto frequentato in estate, conosciuto e apprezzato dai turisti che frequentano il Primiero e il parco Paneveggio.
Per godere in solitudine il grande fascino di questo luogo conviene andarci nel tardo autunno, quando i larici dei boschi circostanti assumono colori fantastici.
Lago di Calaita, Grugola, Folga