Grappa > Arsié > lago Corlo > lago
Lago di Corlo

Arsié - feltrino

Lago di Corlo, Rocca di Arsié

Tra la Valsugana, il Monte Grappa e le terre feltrine, il fascino di un fiordo norvegese in formato bonsai a pochi chilometri dalla pianura Veneta
diga del Corlo Il lago artificiale prende il nome dalla piccolissima borgata che sovrasta la diga che serve pure come unico ponte di collegamento stradale. Assieme alla borgata di Incino, al di quà della diga, appartiene alla parrocchia di Rocca, frazione di Arsiè, ed è il primo e più occidentale paese della provincia di Belluno.

La diga è stata costruita negli anni '50, a sbarramento del profondo canyon del torrente Cismon nel suo ultimo tratto prima dello sbocco in Valsugana. Con il riempimento del lago buona parte del paese di Rocca dovette essere abbandonato, in particolare venne abbattuta la chiesa che venne ricostruita sull'altura della strozzatura di mezzo del lago.

Rocca è il paese più importante del lago. Nei pressi tre ponti, di cui uno sospeso su corde e molto spettacolare, permettono di attraversare nel lato opposto per raggiungere le varie case isolate e borgate che si inerpicano sulle propaggini del Monte Grappa.
A valle della diga, vicino a Cismon del Grappa, si possono osservare alcune gallerie della vecchia linea ferroviaria tra Cismon e Feltre, in attività nel primo novecento.

Nelle foto una giornata invernale di pioggia con il lago ghiacciato.
Rocca di Arsié, 13 gennaio 2008
lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana lago del Corlo, Cismon Brenta - Arsie, feltrino, monte Grappa, Valsugana

Lago di Corlo, Rocca di Arsié


lago del Corlo Rocca di Arsiè si raggiunge facilmente dalla Valsugana percorrendo la nuova grande galleria stradale che evita la tortuosa salita per le "scale di Primolano". Appena usciti dalla galleria al primo svincolo evidenti indicazioni portano ad Arsiè oppure a Rocca. Sono circa sette chilometri dall'innesto in Valsugana, che a sua volta è a circa trenta chilometri da Bassano del Grappa e settanta da Trento.

Provenendo da Feltre, sono circa venti chilometri, si deve uscire dalla superstrada subito dopo la prima breve galleria che si attraversa appena dopo la testata del lago sull'alveo del torrente Cismon.

Tuttavia la stradina più spettacolare ed ardita, per raggiungere il lago dalla Valsugana, si trova partendo dal paese di Cismon del Grappa.
Appena usciti dal paese in direzione nord, Trento, si attraversa il ponte sul Cismon e subito sulla destra, proprio in corrispondenza del santuario di Nostra Signora di Pedancino, parte una arditissima stradina quasi completamente scavata nella roccia a strapiombo sulla valle. E' una stradina molto stretta con tornanti secchi incisi nella roccia e porta in circa cinque chilometri ad Incino. Da qui prosegue, sempre molto stretta e tortuosa, costeggiando il lago e porta a Rocca. Tutto il tratto è paesaggisticamente spettacolare ed entusiasmante e permette di vedere le varie borgate che compongono Rocca di Arsiè.
Attenzione: attualmente, e probabilmente definitivamente, la stradina è chiusa al traffico. Praticabile (pur vietata) in bicicletta.