Friuli > Aquileiese > Grado > S.Maria di Barbana
Grado

Grado e laguna di Grado

Santuario francescano di Santa Maria di Barbana, isola lagunare a Grado


La piccola e suggestiva isola si trova nel mezzo della parte orientale della laguna di Grado.
Probabilmente in epoca romana l'area allora paludosa, ma lontana dal mare, serviva alla 'quarantena' per le merci destinate al porto di Aquileia e si presume vi fosse un tempietto dedicato ad Apollo.

La leggenda fa risalire la costruzione di un primo santuaro al 582 su disposizione del Patriarca di Aquileia, Elia, quando sull'isola fu ritrovata una statua della Madonna nei pressi della capanna degli eremiti Barbano e Tiralesso, dopo un violento uragano che infuriò su Grado.

Ben presto attorno alla miracolosa Madonna sorse una piccola comunità monastica detta dei 'Barbaniti' e il luogo divenne sempre più isolato per l'estendersi della laguna.
Nei secoli, alterne vicende fecero decadere il santuario diverse volte e altrettante volte venne ricostruito.
Dopo il primitivo edificio venne ricostruito nell'800 per volere del partiarca Fortunato di Grado.
Attorno al mille s'insediarono i monaci Benedettini di Portogruaro. Nel 1500 accanto ai Benedettini vi fu anche una comunità di Francescani Conventuali. Dal 1600 fino al 1776, anno della soppressione voluta dalla Serenissima Repubblica Veneta, il santuario venne tenuto dai Francescani. Venne perciò curato dal clero diocesano di Udine dapprima e poi di Gorizia, con un progressivo stato di declino.
Nel 1901 l'arcivescovo di Gorizia, cardinale Missia, consegnò il santuario ai Frati Minori Dalmati di San Girolamo che lo ressero fino al 1924, quando gli avvenimenti politici costrinsero il passaggio alla Provincia Veneta Friulana di San Francesco.

Alla Madonna vengono attribuiti numerosi fatti miracolosi riguardanti salvataggi in mare e in laguna e voti contro la peste di numerosi paesi del Friuli e Slovenia.
La Madonna venerata è una statua lignea della fine XV secolo di scultore di scuola friulana.
Nella cappella della Domus Mariae vi è un'altra statua della Madonna, prima venerata in santuario, risalente al mille.

La prima domenica di luglio si celebra, fin dal 1327, il "Perdon de Barbana" con una processione di barche con partenza da Grado e trasporto sulla 'Battella' dell'antica statua lignea della Madonna degli Angeli dalla Basilica di Grado, a ricordo del voto di scongiura per la peste.

L'attuale edificio è del 1924, opera in stile neoromanico-eclettico dell'architetto Silvano Baresi con affreschi, del 1940, di Tiburzio Donadon.
Nel giardino la Cappella dell'Apparizione, edificio del 1858 con interessanti affreschi dell'estroso pittore udinese Rocco Pitacco.
Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado Santuario di Barbana a Grado
Grado
Santuario francescano di Santa Maria di Barbana
doveisola della laguna di Grado (Gorizia, Friuli Venezia Giulia)
cosaSantuario, casa di Esercizi Spirituali, casa del Pellegrino
motivipaesaggistici, religiosi
imbarcoGrado - coord. N.45°40'43.3"  E.13°23'20.4"
SantuarioIsola di Barbana - coord. N.45°42'11.2"  E.13°25'21.1"
quandoautunno, inverno, primavera
lunghezzatraversata in barca km. 5 a + 5 r
informazioniFrati Minori del Veneto e del Friuli Venezia Giulia - www.ofmve.it
cartografiaFriuli Venezia Giulia - Tabacco 1:150.000
ricognizione15 settembre 2009
downloadwaypoints e traccia Gps dell'escursione
visualizzavisualizza con Google/Earth