Feltrino > Arsié > forte Leone
Arsié

Arsié, Feltrino (Belluno)

ex forte Leone a Cima di Campo, Arsié


Imponente apparato fortificato Italiano risalente alla I Guerra Mondiale, abbastanza ben conservato, visite guidate a pagamento, sempre visitabile esternamente al recinto.
Parte del cortile è stata recintata e puntellato il muro frontale per imminente pericolo di crollo. Sono in corso, da molto tempo, lavori di restauro, attualmente vi è una copertura provvisoria. Vietato l'ingresso, come da ordinanza del Sindaco di Arsié.

Il forte domina un lungo tratto della parte mediana della Valsugana ed offre ampie visioni verso il Monte Grappa, le Pale di San Martino e l'Altipiano di Asiago. Era in linea con il forte di Cima di Col di Lan, verso Arina-Lamon (completamente distrutto, pochi resti inghiottito dalla vegetazione), e dirimpettaio al forte di Cima Lisser sopra Enego sull'Altipiano di Asiago (recentemente restaurato), a formare la linea Brenta-Cismon.

forte Leone a Cima di Campo E' una specifica tipologia fortificata secondo i canoni più "moderni" della guerra di posizione di inizio secolo (come il ben più noto e turistico "Forte Belvedere" di Lavarone, Austriaco).
Costruito tra il 1906 ed il 1912, non venne mai utilizzato in battaglia in quanto tagliato fuori dal fronte a seguito degli avvenimenti di Caporetto. I danni sono imputabili al motivo che venne disarmato e fatto brillare, nei settori delle batterie di cannoni, dalla guarnigione italiana in ritirata.
Originariamente era armato con 6 cannoni da 149/35 sulle cupole girevoli in acciaio, altri 6 pezzi da 75/27 sulle casematte e in postazioni di campagna e 17 mitragliatrici.

La visita è possibile, con la dovuta cautela, nel cortile e nelle stanze frontali della fortezza ed è sconsigliato inoltrarsi nei corridoi più interni, nonostante il progetto di restauro. Notevole è l'esplorazione delle adiacenze esterne e del piazzale erboso e roccioso che lo ricopre e da cui emergono le cupole girevoli dei cannoni.

Per maggiori informazioni sugli avvenimenti bellici che hanno notevolmente modificato la fisionomia dell'intera zona (monte Grappa, Valsugana, Altipiano, Pasubio) e come guida alla visita dei luoghi più significativi, consultare il libro di W.Schaumann "La grande guerra - Prealpi Venete e Trentine" Volume III Edizioni Ghedina & Tassotti.

Il forte si raggiunge in auto (fino a poche centinaia di metri dal piazzale) partendo da Arsiè (35 Km. a nord di Bassano del Grappa sulla vecchia strada delle "Scale di Primolano" per Feltre) seguendo le indicazioni (verso nord) per Col Perer, Cima di Campo con una lunga salita che attraversa i paesi di Rivai e Mellame e il piccolo altipiano di Col Perer e prosegue ancora nel bosco fino alla cresta sommitale erbosa dalla quale si dirama (verso ovest, verso il canyon della Valsugana) un stradina non asfaltata che passa di fronte anche ad alcune caserme di appoggio al forte stesso (circa 15 Km. da Arsiè).
È raggiungibile pure da Castel Tesino e da Lamon arrivando all'imbocco della citata stradina dal versante opposto.
Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno Forte Leone - Cima di Campo - Arsie - Belluno
Forte Leone, Cima di Campo, Arsie - Belluno Forte Leone, Cima di Campo, Arsie - Belluno

ex forte Leone a Cima di Campo - m.1512 - Arsié, Feltrino, Belluno

Il forte si raggiunge anche in auto (anche fino al piazzale, ma conviene parcheggiare un po' prima e salire a piedi) partendo da Arsiè (35 Km. a nord di Bassano del Grappa sulla vecchia strada delle "Scale di Primolano" per Feltre) seguendo le indicazioni (verso nord) per Col Perer e Cima di Campo, con una lunga salita che attraversa i paesi di Mellame, Rivai e il piccolo altipiano di Col Perer. Prosegue ancora nel bosco fino alla cresta sommitale erbosa dalla quale si dirama (verso ovest, verso il canyon della Valsugana) un stradina non asfaltata che passa di fronte anche ad alcune caserme di appoggio al forte stesso (circa 15 Km. da Arsiè).
E' raggiungibile pure da Castel Tesino e da Lamon arrivando all'imbocco della citata stradina dal versante opposto o anche salendo, preferibilmente a piedi, dal 'Rifugio Alpino' e la malga Cima di Campo dalla stradina ad un chilometro prima del valico.

Queste strade sono indicatissime per bellissimi itinerari in bicicletta.

informazioni : www.forteleone.it
forte Leone a Cima di Campo : N45°59'58.1" E11°41'20.3"