DeltaLaguna
Delta del Po

Delta del Po, Polesine, foce dell'Adige, laguna di Venezia meridionale



cicloturismo

Parco Naturale Delta del Po Delta del fiume Po, foce dell'Adige, lagune e Polesine


Il Delta, suddiviso tra le province di Rovigo, Ferrara e Ravenna, è il vasto cuneo di terra di recente formazione dovuto ai sedimenti trasportati dal fiume Po.
Solo qualche millennio fa, in epoca romana, il mare lambiva la città portuale di Adria, dalla quale prende il nome il mare Adriatico, che ora si trova molto all'interno in terraferma.
In epoca pre-romana il fiume si diramava nei pressi di Guastalla, il ramo meridionale sfociava nei pressi di Spina mentre il ramo settentrionale attraversava il Polesine dando vita alla civiltà paleo-veneta di Frattesina e sfociava nei pressi di Adria, che divenne ben presto un importante porto commerciale.
In epoca romana, con la rotta di Sermide del VIII secolo a.C., il corso settentrionale venne abbandonato e la linea di costa di Adria restò immutata per un millennio e Adria si trovava in una specie di golfo tra i fiumi Adige ed il Po che aveva il suoi rami principale a Spina e Comacchio.
vedi anche
il territorio Veneto del Delta del Po comprende i comuni di Gran parte dell'area è soggetta al Parco Naturale Regionale Veneto del Delta del Fiume Po e dal Parco Regionale dell'Emilia Romagna.

l'attuale fiume Po si suddivide in sei rami attivi e in numerose lagune, valli, sacche

  • Po di Levante
  • Po di Maistra
  • Po di Pila, con le bocche di Scirocco e Tramontana
  • Po delle Tolle
  • Po di Gnocca
  • Po di Goro
  • 2 sacche : Sacca Canarin, Sacca Scardovari
  • 7 lagune : Caleri, Vallona, Barbamarco, Batteria, Burcio, Basson, Bonelli Levante
  • 24 valli da pesca per una superfice di 3.000 ettari

vocaboli del delta e della laguna

argineterrapieno artificiale lungo il fiume o la gronda lagunare per contenere l'acqua in terreni bonificati o per evitare alluvioni
golenaarea, generalmente coltivata a campagna, tra l'alveo del fiume e le arginature, serve come cassa di espansione del fiume durante le piene
valle da pesca bacino salmastro dove l'afflusso dell'acqua salmastra e dell'acqua dolce è regolato artificialmente con chiaviche, è formata da lagune artificiali opportunamente predisposte per l'allevamento del pesce
fraimaraccolta del pesce nelle valli di pesca dove viene allevato in stato seminaturale/estensivo
lagunabacino di acqua salmastra, spesso poco profondo, delimitato verso il mare da cordoni di dune sabbiose o scanni e, dalla parte del fiume, da barene, banchi di limo o sabbia sommersi periodicamente dalle maree e da bonelli
saccainsenatura marina a fondale basso aperta da un lato verso il mare e dove, a volte, sboccano canali fluviali, è il primo passo per la trasformazione in laguna di un braccio di mare
barenapalude poco profonda con il fondo limoso sommersa periodicamente dalle maree
velmabanchi limosi o sabbiosi che emergono quando il fiume è in magra o, nelle lagune, nelle basse maree
bonelloisolotto sabbioso, spesso temporaneo, che si forma nelle lagune per effetto della sedimentazione di materiale sabbioso dovuto all'azione delle maree e agli scarichi fluviali
scanno, scano isola sabbiosa, tipicamente stretta e lunga, che si forma nei delta dei fiumi per azione delle onde marine è la propaggine estrema della terraferma
lancabraccio di fiume, generalmente in secca o paludoso, percorso dall'acqua solo durante le piene
cuneo salinocorrente d'acqua marina che risale il corso dei fiumi per parecchi chilometri dalla costa per effetto dell'alta marea
dune fossilicordoni sabbiosi, elevati rispetto alla pianura, che corrispondono ad antiche sedimentazioni sabbiose lungo la linea di costa ora arretrata
gorgostagno o palude alimentata dalle risorgive o dalle falde di un vicino fiume, a volte viene indicata anche una località alla confluenza di due fiumi
idrovoramacchina per pompare l'acqua per procedere alla bonifica di terreni sotto il livello del fiume o del mare
incileinnesto, o biforcazione, laterale di un canale secondario rispetto al canale maestro
cavanaricovero coperto, un tempo con canne palustri, per l'ormeggio delle barche
casonetipica costruzione dell'ambiente vallivo, tutto in canne palustri per il ricovero temporaneo, in muratura con tetto a canne quale abitazione semipermanente per i lavoratori delle valli da pesca

bibliografia Laguna di Venezia e Delta del Po

titoloautoreedizione
Fatti e misfatti di idraulica lagunareL. Dal Paos2010 - Ist. Veneto Scienze
In laguna da Venezia a GradoF.Masiero2004 - Il Leggio Libreria Editrice
Rovigo e la sua provinciaProvincia di Rovigo
La Laguna di VeneziaLorenzetto
Chioggia. L'XI e la XII isola della SerenissimaM.Marcozzi1982 - Multigrafica Editrice
Atlante del territorio costiero, Lagunare e Vallivo del Delta del PoEnte Parco Delta del Po
Delta del Po - Alla scoperta del ParcoEnte Parco Regionale Veneto del Delta del Po
Delta del Po - Parco Regionale VenetoEnte Parco Regionale Veneto del Delta del Po
Il Delta del Po. Da Rosolina ai lidi di ComacchioG. Tentoni1997 - Guide Turistiche Belletti
Delta del Po. Alba di un parcoL. Bottaro1994 - Arcari Editore
Delta del Po1993 - Edizioni De Agostini
Polesine Delta del PoG. Marangoni1987 - Ctg Turismo e Cultura Edizioni
Ariano nel Polesine e la sua storiaU.Carzoli
Lotte contadine nell'isola di ArianoA.Tumiatti
Il mondo contadino - Poesie, leggende e racconti del PolesineT.Sega
Memorie storiche dello stato antico e moderno delle lagune di VeneziaB.Zendrini1811 - Padova

cartografia generale Laguna di Venezia e Delta del Po

titoloeditorescala
VenetoTouring Club Italiano1:200.000

Delta del Po Delta del Po Delta del Po


Spiaggia di Caleri a Rosapineta di Rosolina Mare
Valle Bagliona, isola di Porto Viro nel Delta del Po Valle Pisani, isola di Porto Viro nel Delta del Po