Monti Berici > cicloturismo > Riviera Berica > mountain bike
Mtb Riviera Berica

cicloturismo, mountain bike - Riviera Berica Colli Berici, Vicenza

alcuni anelli cicloturistici in mountain bike o city bike nei Monti Berici
dalla riviera berica alla dorsale versante orientale di Villabalzana, San Giovanni in Monte e altopiano di Pozzolo


Tre bellissimi giri, impensabili per chi non conosce i Colli Berici, con vedute che in certe condizioni di luce o durante le fioriture primaverili diventano estremamente suggestivi, con paesaggi 'lunghi' verso la pianura e i rotondeggianti profili Euganei, con sguardi bellissimi sui sottostanti terrazzamenti collinari e gli scaranti (=vallette) che incidono l'ondulato altopiano Berico. Il tormentato versante orientale dei berici è un susseguirsi di paretoni rocciosi traforati da covoli (=grotte) frequentati fin dalla preistoria.
Nonostante tutto, chiudendo un occhio sulla statale Berica piena di traffico e capannoni e il cementificio di Villaga, si tratta di luoghi che riconciliano con il paesaggio veneto ed il ciclista con le strade dal traffico scarso o inesistente.
I paesi di Toara, Villaga, Barbarano, Mossano, Nanto, Castegnero, Lumignano sono integri e molto belli eppure vivi e attivi, con un giusto equilibrio tra cose vecchie, restauri e nuove costruzioni, tra agricoltura, bosco, artigianato e industrializzazione. La gente del luogo è gentile e saluta sempre con sincero rispetto.
E' uno spaccato del Veneto che dona speranza e convince che non tutto è perduto, che esistono ancora spazi di paesaggio, che è un tutt'uno con lo spazio di vita, non distrutti dall'ingordigia del costruire e la furbizia dell'arricchimento o viceversa dal 'restauro' edilizio con trasformazione nel bello artificiale-plasticoso e nelle monoculture agrarie, per buona parte dovuti ad interventi di 'sostegno', a 'progetti Europei', a consulenza di 'esperti', in poche parole da economia 'drogata' con finanziamenti calati dall'alto.

Gli anelli descritti si possono anche concatenare, è possibile partire da Vicenza percorrendo la pista ciclabile della riviera Berica e/o la dorsale di Villabalzana. In questo caso diventano giri abbastanza lunghi ed impegnativi e richiedono adeguata preparazione ciclistica.

In conclusione, salite consigliabilissime ai molti ciclisti che non conoscono questi luoghi che incredibilmente stanno al centro del Veneto.
Naturalmente di stradine asfaltate e sterrate per la mountain bike ve ne sono tantissime altre, l'ottica di questi anelli è invece quella di conoscere in maniera corretta e sistematica la zona.
Mtb riviera berica, Vicenza

anelli cicloturistici in mountain bike dalla riviera berica

dovetra Longare e Villaga, Strada dei vini dei Colli Berici e la dorsale Villabalzana - San Giovanni in Monte
parkpiazzale chiesa di Lumignano - coord. N45°27.584'  E11°35.244'
oppure anche : Vicenza, Longare, Castegnero, Ponte di Nanto, Barbarano Vicentino, Villaga
autostradaA4 Milano-Venezia, uscita Torri di Quartesolo (Vicenza Est)
motivipaesaggistici per gli ampi panorami sulla pianura e la vista sugli scaranti (=valli) della dorsale orientale
quandotutto l'anno, preferibilmente autunno e primavera, imperdibili i giorni della fioritura dei ciliegi, evitare la piena estate
consiglisalite brevi ma certamente non banali, adatte per l'allenamento, sfruttabili quando si ha qualche ora disponibile
difficoltàqualche strappo, breve, può essere molto duro, ci si riferisce sempre a ciclisti un minimo preparati alla bicicletta e alle salite e a pedalata turistica senza velleità agonistiche
biciclettai percorsi principali, oltre che in mountain bike, si possono fare anche con una 'buona' city bike, importante sia in perfetto ordine, specie i freni in quanto vi sono discese molto ripide, e con rapporti molto corti con 3 moltipliche, altre stradine solo con mountain bike di buon livello
percorsisi possono combinare diverse strade, in particolare si può partire da Vicenza città e seguire la pista ciclabile fino a Longare, quindi la 'Strada dei Vini dei Colli Berici' (tabelle), per il rientro verso Vicenza si può anche percorrere la strada dorsale di San Giovanni in Monte e Villabalzana
noteoltre a questi itinerari 'principali' si possono praticare numerose stradine sterrate varie, bisogna tuttavia conoscere bene la zona perché facilmente si finisce in case isolate o in sentieri senza uscita
cartografiaColli Berici - La Berica Editrice
rilieviGianni, marzo 2009
download waypoints e traccia Gps delle escursioni
visualizza visualizza con Google/Earth
gps bdc mtb

alla chiesa di San Rocco, o strada dei 'Romiti'

da doveLongare
difficoltàabbastanza facile
stradestrada sterrata dal fondo buono, asfalto
biciclettamountain bile o una buona city bike
orientamentofacile
lunghezza18 km.
dislivello350 metri
quota max340
tempiore 2,00, soste escluse
percorsopartendo dalla piazza di Longare, dirigere alla retrostante stradina asfaltata che mira al 'colle di Galileo' (caratteristica torre di un Roccolo, restaurata), dopo una ripida rampa si arriva alla bella chiesa di San Mauro Abate, sulla destra si dirama una stradina sterrata (limitata al traffico). Percorrere integralmente la panoramicissima stradina, il fondo è ottimo, la pendenza costante e non eccessiva, la pedalata piacevolissima. Al termine, presso il monte Brosimo, in prossimità dell'area militare la strada diviene asfaltata e continua a saliscendi aggirando il monte e portandosi nei pressi della chiesa di San Rocco.
Poco oltre si perviene ad una rotatoria stradale lungo la strada dorsale. Verso destra si può scendere alla volta di Longara di Vicenza. Noi svoltiamo, invece, verso sinistra e proseguiamo per la dorsale di Villabalzana.
Dopo una breve salitella e lo scollinamento, ad un incrocio, verso destra si scende alla volta di Pianezze di Arcugnano (lago di Fimon), svoltare invece sulla stradina di sinistra (cartello Castegnero e agriturismo), la stradina asfaltata dopo un po' scende molto ripida, un paio di tornanti e sbuca nei pressi della chiesa di Castegnero.
Proseguendo, pianura, verso sinistra si arriva a Lumignano per proseguire ancora alla volta di Costozza e Longare.

San Giovanni in Monte 'nuovo'

da doveNanto
difficoltàpoco impegnativa, qualche tratto ripido, naturalmente per ciclisti un minimo preparati e andature turistiche
stradeasfalto, stradina cementata
biciclettamountain bile o una buona city bike
orientamentoabbastanza facile
lunghezza20 km.
dislivello450 metri
quota max420
tempiore 2,00, soste escluse
percorsosalire alla chiesa di Nanto (da Ponte di Nanto o da Lumignano), a fianco della quale inizia la salita asfaltata che diventa subito panoramica e si arriva alla 'Chiesa vecchia di Nanto'. La salita, tutta asfaltata traffico scarso, prosegue molto ripida per un paio di chilometri fino alla località Torretta, alcune case caratteristiche e bivio per Villabalzana.
Proseguire diritti per la valletta fino alla 'Fontana del Ciclista' (purtroppo a secco e in rovina, quasi una presa in giro...), dove si trova un 'parco' artistico con installazioni e opere varie scolpite nella pregiata Pietra di Nanto.
Proseguire ancora, qualche strappo, all'incrocio 'Via Monti' (due case) dove verso sinistra (indicazioni Mossano) si arriva in breve alle case di 'Crosara', non scendere ancora svoltare per la stradina asfaltata che si dirama a destra prima delle casette. Ancora qualche strappettino e si perviene ad un altro gruppo di case.
Verso destra la strada dorsale di Villabalzana (possibile rientro verso Vicenza), svoltare invece verso sinistra dove in breve si arriva a San Giovanni in Monte con la 'nuova' chiesa (trattoria, bar).
Proseguire verso sinistra in direzione Scudellette di Barbarano, dopo poco una stradina accanto al Cimitero, continuare per la principale e dopo qualche altro centinaio di metri, sempre sulla sinistra, si dirama una stretta stradina asfaltata (nessuna indicazione). Svoltare per questa stradina, dopo un po' inizia a scendere decisamente fino ad un gruppetto di case, sulla sinistra si risale una ripida strada cementata quindi si sbuca ad un gruppo di case nuove.
Splendido panorama su Barbarano, la pianura e i Colli Euganei.
Scendere la ripidissima strada fino ad incontrare la strada che scende da Crosara (vista sopra), quindi ancora ripidissima discesa a tornanti per arrivare a Mossano.
Superata la chiesa, dopo le case prima della discesa, sulla sinistra una strada con un paio di tornanti scende nella valle Paù e al colle sotto la 'Villa Pigafetta'.
All'incrocio, verso sinistra a Nanto, Castegnero e Lumignano.

San Donato e Cogombola

da dovePonte di Barbarano
difficoltàqualche rampa molto ripida, è il più impegnativo, ed anche il più bello, di questi tre anelli descritti
stradetutto asfalto, strade strette e tortuose, asfalto grossolano
bicicletta mountain bile o una buona city bike, si può fare con la bici da corsa purché con adeguati rapporti corti
orientamentoabbastanza facile
lunghezza25 km.
dislivello500 metri
quota max380 metri, colmo di San Donato
tempiore 2,30, soste escluse
percorso Dal Ponte di Barbarano verso Barbarano, dopo due chilometri (poco dopo San Pancrazio) svoltare per la strada di Villaga sulla sinistra, subito dopo al primo incrocio svoltare a destra ed iniziare la salita del colle che divide la valle di Barbarano da quella di Villaga. Alla fine della dorsale del colle si arriva alla ex Villa Vescovile, con chiesetta. Da destra si può qui giungere da Barbarano, da sinistra si arriva da Villaga.
Attraversare la provinciale proseguendo dritti, indicazioni Pozzolo e San Donato, segue subito una ripida rampa ed un tratto di riposo oltre il quale la salita riprende ripidissima per quasi un chilometro. La salita si fa meno ripida verso lo scollinamento dove si trova l'incrocio per San Donato, svoltare a destra e poco dopo bivio e svoltare ancora a destra. Altra ripida rampa e si arriva, dopo un caratteristico gruppo di case, nei pressi del covolo eremo di San Donato, che si può visitare salendo il breve sentierino d'accesso.
Ripresa la salita, altre rampe ripidissime ed un tornantone, si perviene ad un antico borgo di case dal quale si domina dall'alto la struttura rocciosa di San Donato. Ancora poche centinaia di metri in ripida salita e si scollina nel bosco, seguono saliscendi, si passa per un capitello, si sbuca in discesa sulla strada principale in prossimità delle Scudellette. Svoltare a sinistra, direzione Pozzolo, e continuare fin dopo due tornanti in discesa, dove sulla sinistra si dirama la stradina per l'agriturismo 'Valle Verde'. Seguire la stradina di Valle Verde aggirando l'agriturismo, segue un chilometro di salita ripidissima, mantenere sempre la stradina principale. Infine discesa per arrivare all'incrocio già percorso di San Donato. Svoltare a destra e scendere verso Pozzolo. Alla strada principale del fondovalle svoltare a sinistra e scollinare, quindi la bella discesa per Toara.
Attraversato il paese, al caratteristico grande crocifisso ligneo svoltare a sinistra e risalire il piccolo passo, dove, ancora verso sinistra, si prosegue per giungere alla chiesa di Villaga.
Scendere per la strada principale e dopo poche centiania di metri prendere la strada di sinistra che riporta verso San Pancrazio e Ponte di Barbarano.
Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici Riviera Berica - Strada dei Vini dei Colli Berici